Elezioni Usa, Trump tuona: “Abbiamo vinto noi, è una frode”

I risultati delle elezioni presidenziali Usa vede un testa a testa tra Trump e Biden, ma Trump è convinto che i dati diano un altro verdetto.

L’Election Day non ha dato un risultato netto in favore di Donald Trump o Joe Biden. Le proiezioni precedenti al giorno delle urne avevano indicato l’avversario dell’attuale presidente Usa come favorito nella corsa alla Casa Bianca, ma il risultato dei voti ha decretato un testa a testa. I democratici hanno fatto ricorso al tribunale per i voti consegnati via posta, ritenendo che proprio da quelli si possa ottenere un vantaggio utile per vincere le elezioni.

Leggi anche ->Elezioni Usa, risultato ancora in bilico tra Trump e Biden: le ultime

Contentissimo per il risultato raggiunto e sicuro di vincere le elezioni è Donald Trump. Ieri notte, dopo il primo exit poll, il presidente Usa ha parlato in conferenza stampa dalla Casa Bianca ed ha ringraziato tutti i suoi elettori: “Questa è senza dubbio la conferenza stampa all’ora più tarda che abbia mai fatto, ringrazio il popolo americano per il sostegno e un gruppo di persone molto cattive sta cercando di rubare e cercano di buttare ombre”.

Leggi anche ->Stati Uniti, negozi blindati: paura per una possibile rivolta post-risultato

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Donald Trump attacca i democratici: “Abbiamo vinto noi, è una frode”

Il presidente in carica è certo della vittoria e dice: “I risultati di stasera sono stati fenomenali ci stavamo preparando per uscire per festeggiare. Abbiamo vinto in Stati in cui non ci aspettavamo di vincere in queste dimensioni come in Florida. È chiaro che abbiamo vinto in Georgia, in North Carolina. Non ci possono raggiungere”. Trump aggiunge inoltre che anche i risultati in Arizona, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin confermerebbero la sua vittoria.

E allora per quale motivo il verdetto è ancora in bilico? Cosa sta succedendo? Il presidente Usa ha una sua lettura per tutto questo e la comunica alla popolazione: “Ve lo dico io, sanno che non potevano vincere e allora hanno detto ‘andiamo in tribunale‘ con i voti per posta. È una frode, noi abbiamo vinto le elezioni, ci rivolgeremo alla Corte Suprema”.