Coronavirus Milano, situazione gravissima: “Lockdown subito”

Emergenza Coronavirus a Milano, situazione gravissima: il presidente dell’Omceo, richiede un “lockdown subito”.

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

A Milano è necessario subito il lockdown, visto l’aggravarsi della situazione, che è ormai costante. A suggerirlo in maniera netta, in un’intervista a SkyTg24, è il presidente dell’Omceo milanese, Roberto Carlo Rossi, secondo cui “la situazione sia nelle strutture sanitarie ospedaliere che anche nella medicina del territorio è diventata insostenibile”.

Leggi anche: Lockdown, nuovo incontro del Cts con le Regioni: nuovo Dpcm lunedì

Quindi per questo ritiene “necessario intervenire con un lockdown immediato ed efficace”. Il medico precisa che non esistono “piccoli rimedi a grandi problemi” e nello stesso tempo non si può “giocare a scaricare su altri ruoli e responsabilità: la situazione è molto seria e senza interventi drastici non può che peggiorare”.

Leggi anche: Il virologo SIlvestri: “Non serve il lockdown, stanno arrivando gli anticorpi”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lockdown Coronavirus Milano: la proposta

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

La situazione della città di Milano si è aggravata con la seconda ondata di Coronavirus e per tale ragione vengono chiesti subito provvedimenti netti. Ma non solo: si sottolinea come l’attuale situazione rischia di aggravarsi se “non ci si attrezza seriamente per tutelare quei medici che, ancora adesso, sono impegnati in prima linea, ma senza le necessarie attrezzature e materiali di protezione per svolgere in sicurezza il proprio lavoro”.

Insomma, il presidente dell’Omceo milanese, Roberto Carlo Rossi, si fa portavoce di quella che definisce “la ferma ed unanime decisione di tutto il nuovo Consiglio milanese dell’Ordine nell’avanzare una richiesta di provvedimenti restrittivi immediati”. Contro il lockdown a Milano si schiera il governatore della Lombardia Attilio Fontana, secondo il quale un provvedimento del genere bloccherebbe l’intera Regione e non solo il suo capoluogo.