Raoul Bova, matrimonio con Rocio: arriva l’attesa decisione

La decisione che tutti i fan stavano attendendo è finalmente giunta: Raoul Bova ha deciso di sposare Rocio.

Dopo anni di rapporto Raoul Bova e Rocio Munoz Morales starebbero pensando alle nozze. L’attore italiano e la compagna quest’estate si sono goduti il mare tra la Calabria e la Sardegna insieme alle figlie Alma e Luna. Tuttavia fonti vicine alla coppia hanno spifferato al settimanale ‘Nuovo‘, che la gita in Puglia sarebbe stata propedeutica alle nozze. Pare infatti che i due abbiano visitato la zona dei Trulli alla ricerca della location perfetta per le nozze.

Leggi anche ->Raoul Bova, la verità sul rapporto con Rocio: il ruolo di Chiara Giordano

Sebbene ancora non vi sia stato un annuncio ufficiale, la possibilità che la coppia convoli a nozze non sorprende più di tanto. Tra i due attori, infatti, c’è una sintonia totale, sia a casa che sul set. Tra qualche settimana Rocio e Raoul debutteranno su Canale 5 con la serie tv ‘Giustizia per tutti’, che li vede protagonisti entrambi e che ha contribuito a rinsaldare la loro affinità. Parlando dei giorni sul set, la bella Rocio ha rivelato: “Non c’era bisogno di dire le cose, bastava uno sguardo per capirsi. E questo è davvero prezioso”.

Leggi anche ->Rocio Morales fidanzata con Raoul Bova: chi è l’ex Alex Casademunt

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Galeotto fu il Covid: Raoul Bova e Rocio convolano a nozze?

L’attrice iberica in questi mesi è stata impegnata anche con lo spettacolo teatrale ‘Parlami d’amore Mariù’, un’opportunità lavorativa che è giunta subito dopo il lockdown e della quale è entusiasta. In questa occasione recita senza il fidanzato al fianco: “L’unico rammarico è di non aver vicino Raoul, ma lui è a casa e pensa alle nostre bimbe, Luna e Alma”.

Insomma il rapporto funziona a meraviglia, sia che si trovino sul set sia che gestiscano gli impegni familiari. Il 2020 per loro è stato un banco di prova importante, poiché durante il periodo del lockdown sono stati forzati a stare a casa insieme 24 ore su 24 e questo ha fatto capire loro che possono resistere a qualsiasi urto. Pare infatti che per loro la clausura non sia stata traumatica come per altri e che proprio in quei giorni abbiano maturato la decisione di convolare a nozze.