Viviana Parisi, il marito Daniele ribadisce: “Non ha ucciso Gioele”

0
27

Daniele Mondello ribadisce in un’intervista che sua moglie non avrebbe mai toccato il piccolo Gioele e rifiuta l’ipotesi dell’omicidio.

Le indagini sulla morte di Viviana Parisi e Gioele Mondello sono ancora in corso e da queste, finora, non è emersa una dinamica certa su quello che è accaduto loro. In queste ore è stato ultimato l’esame informatico sui dispositivi della donna, analisi che secondo l’esperto potrebbe imprimere una direzione netta alle indagini. Mentre gli esperti lavorano  ad un caso complesso come quello emerso dal messinese, il marito e padre delle vittime continua a ribadire che la moglie non ha ucciso il figlio.

Leggi anche ->Viviana Parisi, la lettera al padre rivela l’orrore: “Vorrei scappare da tutto”

Ospite di ‘Porta a Porta‘, l’uomo ha spiegato: “Escludo l’omicidio-suicidio, Viviana era una mamma stupenda e meravigliosa. In 4 anni non ha mai toccato con un dito mio figlio”. Successivamente l’uomo parla del periodo di ansia passato dalla moglie durante il lockdown: “Nel periodo del Covid Viviana era un po’ stanca come tutte le mamme italiane, Gioele era molto movimentato. Aveva paura che succedesse qualcosa a me e al bambino, così si è avvicinata al Signore e ha iniziato a leggere la Bibbia. Non era tranquilla, l’abbiamo portata in ospedale sia a maggio che a giugno, ci siamo fidati di ospedali e medici”.

Leggi anche ->Viviana Parisi, il marito Daniele: “Ci hanno impedito di cercarli”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Viviana Parisi, il marito Daniele: “Sono un po’ stanco”

In un secondo momento Daniele parla del giorno in cui la moglie ed il figlio sono scomparsi. Spiega che Viviana gli ha detto che sarebbe andata a cercare le scarpe per Gioele e che intorno alle 11:30 lo ha chiamato la polizia per informarlo dell’incidente. Successivamente è stato convocato per un interrogatorio e lamenta: “non ho avuto nemmeno la possibilità di cercare mia moglie e mio figlio”. Nonostante l’esito drammatico delle ricerche, Daniele è grato a Dio del fatto che sia stato ritrovato: “altrimenti per tutta la vita avrei pensato mille cose. Così sono sicuro di poter portare almeno un fiore”.

L’uomo non esclude la possibilità che Viviana possa essersi suicidata dopo la morte del figlio: “Può darsi perché il dolore della madre è forte ma ci sono troppe ipotesi aperte come l’aggressione di animali”. Infine aggiunge che non si fermerà finché non avrà scoperto la verità su cosa successo quel giorno, anche se ammette: “Sono stanco”.