Nba, rinviate tre partite per il caso Blake: la protesta dei Milwaukee Bucks

Il caso Justin Blake ha fermato la NBA con una decisione davvero storica. La protesta dei Milwaukee Bucks ha fatto il giro del mondo

Nba

Una protesta davvero storica per il caso Justin Blake. I Milwaukee Bucks hanno così deciso di non scendere in campo per gara 5 playoff contro gli Orlando Magic. L’idea sarebbe nata dopo il ferimento del cittadino afroamericano a causa degli agenti di polizia. Dopo il caso Floyd, ecco un altro episodio che ha fatto infuriare i giocatori NBA: “Siamo stanchi degli omicidi e dell’ingiustizia”, così ha svelato la guardia dei Bucks, George Hill. Sono state così rinviate già tre partite nella scorsa notte con la possibilità anche di terminare la stagione anzitempo.

Leggi anche –> Coronavirus: positivo anche Kevin Durant stella del basket NBA

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nba, caso Blake: fermate baseball e calcio

Successivamente la protesta ha coinvolto anche il baseball e calcio con tre partite posticipate della Major League di Baseball e cinque sfide della Major League Soccer. Anche il torneo di tennis di Cincinnati, si fermerà per le prossime 24 ore. Anche  Lebron James è stufo di certi comportamenti e così il campione Nba su Twitter: “Chiediamo il cambiamento, siamo stanchi”. La decisione definitiva dovrebbe arrivare nelle prossime ore.

Nba