Home News Covid, Galli: “Pochi ricoveri, situazione non paragonabile alla prima ondata”

Covid, Galli: “Pochi ricoveri, situazione non paragonabile alla prima ondata”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:01
CONDIVIDI

L’infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, conferma che attualmente la situazione è meno grave rispetto a marzo.

I numeri dei contagi da Covid-19 hanno fatto temere a molti italiani di dover rivivere una situazione simile a quella vissuta pochi mesi prima. Tuttavia nei giorni scorsi il ministro della Salute ha spiegato che non si procederà con un lockdown totale, dunque si proverà a contenere il contagio con misure restrittive minori e localizzate. Visti i numeri dei positivi di questi giorni potrebbe sembrare un azzardo, ma secondo quanto emerge dalle dichiarazioni dell’infettivologo Massimo Galli potrebbe non essere così.

Leggi anche ->Billionaire Covid | altri 52 casi di positività tra i dipendenti | FOTO

Parlando della seconda ondata e dei nuovi casi di infezione, infatti, l’esperto ha spiegato: “Rispetto alla prima ondata non c’è nulla di paragonabile: c’è un modesto stillicidio di casi da ricovero, ma non situazioni gravi in persone fragili, come nel passato”. L’altro aspetto che fa guardare al prossimo futuro con maggiore fiducia è l’età media dei contagiati: “I nuovi contagi riguardano i giovani che raramente vanno incontro a una malattia grave. Anzi, spesso sono asintomatici”. Nessun pericolo dunque? Non esattamente, poiché i giovani, specie se asintomatici, possono diventare mezzo di trasmissione del virus: “Il problema è che diventano un serbatoio di infezione. Ma non vanno demonizzati”.

Leggi anche ->Coronavirus, lo sfogo dell’operatrice sanitaria: “La notte non dormo, ho paura”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Massimo Galli: “Chiusure? Bisogna decidere con cautela”

Nell’intervista concessa al ‘Corriere‘, Galli poi dice la sua sulle eventuali chiusure, spiegando che bisogna procedere seguendo il principio di cautela. Tuttavia ammette che si tratta di una decisione delicata: “L’alternativa è fra un eccesso di chiusure, che comprometterebbe la ripresa del Paese, e un eccesso di aperture che potrebbe risolversi con il famoso ‘passo del gambero’, il rischio di tornare indietro”. In conclusione l’esperto del Sacco di Milano sottolinea come la scelta spetti ai politici.

Il consiglio che si sente di dare agli italiani per i prossimi mesi è quello di vaccinarsi sia per l’influenza che per lo pneumococco: “E’ uno studio pubblicato sulla rivista Vaccine da cui emerge un dato importante: si infetta di più con il Sars-CoV-2 chi non è vaccinato contro il virus dell`influenza o lo Pneumococco. Viceversa sembrano più protetti i vaccinati”.