Bimbo di 5 anni vittima di un tragico incidente: muore sotto un furgone

Layton Darwood è morto a soli 5 anni a causa delle ferite riportate a seguito di un incidente avvenuto ieri pomeriggio: un furgone Ford Transit l’ha travolto e ucciso. 

Un bambino di appena cinque anni, Layton Darwood, è morto in ospedale dopo essere stato investito da un furgone a Newcastle, in Inghilterra, intorno alle 16:50 (ora locale) di ieri. Un uomo di 38 anni è stato già arrestato in relazione all’incidente. La polizia è intervenuta a Willow Avenue a Fenham a seguito della segnalazione di un sinistro mortale che ha visto coinvolti un Ford Transit e la piccola vittima.

Leggi anche –> Bimba cade dal balcone | la tragedia a Sestri Levante| ha solo 3 anni

Leggi anche –> Il vento a 100 km/h fa cadere un albero: bimbo schiacciato e ucciso 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il drammatico incidente costato la vita al piccolo Layton

La Northumberland Police ha descritto il piccolo Layton come un “bimbo adorabile”. “Questo è un momento devastante per la sua famiglia – ha dichiarato il sergente Lee Butler – e i nostri pensieri in queste ore terribili vanno a loro. Abbiamo garantito la nostra assistenza con personale specializzato. L’intera comunità locale è addolorata per quanto è accaduto e so che si stringerà attorno a loro per sostenerli. Chiediamo tuttavia che sia rispettata la loro privacy ora che stanno facendo i conti con questa tragica perdita e che in questa fase iniziale si eviti di speculare sulle circostanze dell’incidente”.

In una dichiarazione successiva l’incidente, il sergente Raymond Lowery, del dipartimento di pattugliamento della Polizia della Northumbria, ha spiegato: “Questa collisione ha provocato la morte di un bambino di cinque anni, un evento devastante. I nostri pensieri vanno alla famiglia del piccolo in questo momento incredibilmente difficile. I suoi parenti continueranno ad essere supportati dai nostri agenti specializzati”. “Questo è chiaramente un momento tragico per loro – ha ribadito – e chiederei che la loro privacy sia rispettata”.

EDS