Bambino morto a Modica, lo strazio della nonna: “Ecco che gli hanno fatto”

La nonna di Evan rivela nuovi inquietanti dettagli sulle terribili circostanze che hanno portato alla morte del bimbo di Modica.

Piange e urla dalla disperazione la nonna di Evan, il bambino di un anno e otto mesi di Rosolini arrivato morto, pieno di lividi, all’ospedale di Modica (Ragusa). “Me lo dovevano dare a me mio nipote, me l’hanno levato” dice Elisa Congiu ai microfoni di Repubblica tv, parlando a fatica. “L’ultima volta che l’ho visto era prima di Ferragosto, era malridotto il bambino, ma io lo dicevo agli assistenti sociali e non m’hanno creduto”.

Leggi anche –> Bambino morto Modica | lividi ovunque | arrestata anche la mamma

Leggi anche –> Modica, muore bimbo con lividi sul corpo: fermato il compagno della madre

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La verità sull’agghiacciante vicenda di Modica

Il compagno della nonna di Evan, Roberto Amore, rivela ulteriori inquietanti dettagli. A suo dire, era noto da tempo che il bambino non stesse bene. Il piccolo “era pieno di lividi”, aveva “uno squarcio nell’orecchio” e “non riusciva neppure a camminare”. “Noi – racconta – l’abbiamo detto all’avvocato, l’abbiamo detto a tutti, abbiamo fatto i nostri passi, ma nessuno è intervenuto”. “Li abbiamo pregati di intervenire, di fare, di dire – aggiunge – abbiamo filmato tutto il dovuto perché il bambino era troppo maltrattato”. e un segno sull’orecchio”, spiega. Quanto alla madre, “si giustificava con scuse poco credibili, assurde, senza senso”.

EDS