Home News Alex Zanardi, il commovente messaggio: “Non lasciarmi solo”

Alex Zanardi, il commovente messaggio: “Non lasciarmi solo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:36
CONDIVIDI

Giuseppe Campoccio, campione di atletica nel parlimpismo, ha dedicato un pensiero ad Alex Zanardi in vista di Tokyo 2021.

Ancora oggi, dopo un mese e mezzo di ricovero, nessuno sa quali siano le condizioni di salute di Alex Zanardi e quali i possibili tempi di recupero del campione azzurro. Dopo il bollettino medico con il quale l’ospedale San Raffaele di Milano ha comunicato il buon esito dell’operazione neurochirurgica (la quarta), infatti, in questi giorni ha regnato il silenzio. Segno che la situazione non è mutata né in meglio né in peggio: Alex rimane in condizioni gravi, ma stabili.

Leggi anche ->Alex Zanardi non ricorderà niente del coma, come sarà il risveglio

Giorni addietro è stata intervistata la dottoressa che si è occupata di lui dopo il primo gravissimo incidente, quello che gli ha tolto per sempre l’uso delle gambe. L’esperta ha spiegato che il recupero di Zanardi dipenderà dall’estensione del danno cerebrale e dalla possibilità che sia reversibile. In ogni caso, quando si risveglierà, dovrà fare una lunga riabilitazione fisica e cognitiva, poiché dovrà imparare a fare tutto da zero.

Leggi anche ->Alex Zanardi, la dottoressa gela tutti: come un bambino, deve cominciare da zero

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alex Zanardi, il bel messaggio di Giuseppe Campoccio

Difficile, dunque, che si possa rivedere il campione in pista entro l’anno prossimo, anche nella migliore delle situazioni possibili. Nel 2021, infatti, si terranno le paralimpiadi ed Alex sarebbe stato una delle nostre punte di diamante. Lo sottolinea in una lunga intervista concessa a ‘OA Sport‘ il campione di atletica Giuseppe Campoccio. Costretto alla sedia a rotelle da un’infezione ossea che ha causato un danno cerebrale, Campoccio non si è abbattuto ed è diventato un campione nel lancio del peso e del giavellotto.

L’atleta punta adesso alla conquista di un oro alle Paralimpiadi di Tokyo ed il suo pensiero vola subito ad Alex Zanardi: “Io e lui siamo i vecchietti del paralimpismo, dico ad Alex di non lasciarmi solo e vorrei che lui fosse al mio fianco a Tokyo perché quei due vecchietti devono ancora dire tanto per i ragazzi. Ci terremo per mano per fare questo percorso”.