Home News Bimbo lasciato in auto, muore a 3 anni per il caldo: genitori...

Bimbo lasciato in auto, muore a 3 anni per il caldo: genitori accusati di omicidio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:54
CONDIVIDI

Due giovanissimi genitori sono stati accusati di omicidio dopo che il loro bimbo è morto in auto a causa del caldo.

Ancora un bimbo è morto nelle scorse ore negli Usa dopo essere stato lasciato in auto dai genitori. Si tratta del quindicesimo caso letale di negligenza di questo tipo avvenuta negli Stati Uniti dall’inizio del 2020. Il povero bambino (3 anni) si chiamava Bentley Fowler ed è stato dichiarato morto domenica 9 agosto. Al momento non è chiara la dinamica dell’accaduto, poiché i genitori hanno negato di averlo lasciato in auto e solo l’autopsia sul suo piccolo corpo darà il responso definitivo sulla causa del decesso.

Leggi anche ->Automobilista investe bimbo di 8 anni: il piccolo è in fin di vita

I due giovane genitori, Dakota Heath Fowler e Brandi Michelle Burks, hanno dichiarato di aver messo il figlio a letto intorno a mezzanotte e di essersi svegliati solamente alle 3 di pomeriggio. Non trovandolo nella sua stanza, lo hanno cercato ovunque e poi lo hanno trovato in auto. A quel punto avrebbero chiamato i soccorsi, ma quando sono arrivati per il piccolo Bentley era ormai troppo tardi.

Leggi anche ->Auto invade il marciapiede e sfonda il negozio: muore un bimbo di 3 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bimbo lasciato in auto: genitori accusati di omicidio

La versione fornita dai due ragazzi non è stata creduta dagli investigatori, i quali ritengono che i due abbiano dimenticato il figlio in auto e che questo sia morto a causa del caldo. Nelle scorse ore, infatti, i due giovani sono stati accusati formalmente di omicidio, accusa che è necessaria per far procedere le indagini. Tuttavia dalla stessa polizia viene esclusa la volontarietà dell’omicidio. Intervistato dai media, il portavoce dell’ufficio dello sceriffo di Hodges (Alabama) ha dichiarato: “Non penso ci sia stata la volontà. Credo si tratti di negligenza, che purtroppo è costata la vita al bimbo. Si tratta di una situazione triste da tutti i punti di vista. Questo genere di casi sono sempre difficili per tutti”.