Home News Alessandria, prostituta uccisa in casa, l’arresto dopo 14 anni

Alessandria, prostituta uccisa in casa, l’arresto dopo 14 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:19
CONDIVIDI

Alessandria, prostituta uccisa in casa, l’arresto dopo 14 anni. Il caso era stato riaperto solo alcuni giorni fa. Nuovi elementi nelle ultime ore hanno condotto all’identificazione di un uomo.
prostituta uccisa

Dopo 14 anni sono state riaperte le indagini sul caso. L’omicidio della donna, all’epoca 31enne, dominicana, avvenne nella città di Alessandria. Alcuni indizi rinvenuti in questi giorni hanno portato all’arresto di un uomo di 47 anni, originario di Alessandria.

Leggi anche –> Torino, 25 anni al killer-scrittore: “Raccontò l’omicidio di una prostituta”

Potrebbe interessarti anche –> Violentata e uccisa a 20 anni: condannato l’amico di infanzia

Leggi anche –> Doncaster, cinque donne uccise in sette settimane: ondata di omicidi

Alessandria, prostituta uccisa in casa, l’arresto di un uomo dopo 14 anni

Altagracia Corcino Gil era una prostituta dominicana. Aveva solo 31 anni quando fu uccisa in casa sua. L’omicidio avvenne 14 anni fa, ad Alessandria, precisamente in via Parma. Riaperte recentemente le indagini sul caso, è stato arrestato questo pomeriggio Andrea Casarin. L’uomo ha 47 anni ed è originario di Alessandria ma residente in provincia di Pavia.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le impronte dell’uomo sono state rinvenute su una parete esterna dell’edificio nel quale viveva ai tempi la donna. Le stesse impronte si trovavano anche sul nastro utilizzato per legare la dominicana. Altagracia venne infatti legata e strangolata, e la sua vena giugulare le venne tagliata alla base del collo.

Ai tempi del delitto furono rinvenute alcune tracce di Dna e impronte digitali che hanno consentito di identificare oggi l’uomo. E’ stato infatti effettuato un riscontro tra la banca dati Afis, il Sistema Automatizzato di Identificazione delle Impronte e la banca dati delle persone sottoposte ai rilievi segnaletici. Questo ha permesso di individuare Andrea Casarin. L’uomo, cinque anni dopo il delitto, si trovava a Malpensa, dove era stato arrestato poiché trovato in attesa di un corriere con sei chili di cocaina da Santo Domingo. Le stesse impronte erano quelle rinvenute nell’appartamento della donna uccisa.

I carabinieri di Alessandria, sotto la guida del colonnello Michele Angelo Lorusso, proseguono in queste ore nelle indagini. Si tenta di ricostruire adesso l’esatta dinamica di ciò che avvenne quel tragico giorno nel quale la donna venne brutalmente uccisa.
prostituta uccisa