Basket, muore a 27 anni il “gigante buono” Michael Ojo

Michael Ojo, cestista statunitense di origini nigeriane di 27 anni, è morto venerdì mattina a Belgrado dopo aver avuto un arresto cardiaco. 

Tragedia nel mondo del basket,: è morto a soli 27 anni, stroncato da un infarto, Micheal Ojo, il giocatore nigeriano che in questi giorni si stava allenando con la Stella Rossa di Belgrado. Il giovane è collassato proprio mentre giocava con la sua squadra. Inutili, purtroppo, i soccorsi e i tentativi di rianimarlo.

Leggi anche –> Coronavirus: positivo anche Kevin Durant stella del basket NBA

Leggi anche –> Alessia Zambrelli muore a diciotto anni: la promessa del basket aveva un male incurabile

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Incredulità e sgomento per la prematura scomparsa di Michael Ojo

Michael Ojo, nato il 5 gennaio del 1993 a Lagos, in Nigeria, e statunitense d’adozione, in forza alla squadra serba dal 2018, era stato rilasciato dalla società alla fine di questa stagione ed era alla ricerca di un nuovo ingaggio in Europa. I soccorritori l’hanno trasportato in ospedale ma, come detto, i tentativi di salvarlo sono risultati vani. “La morte improvvisa e scioccante ha profondamente scosso tutti nel club”, si legge in una nota diffusa dalla società.

Secondo quanto riportato da diversi media locali, Ojo era risultato positivo al coronavirus, ma si era ripreso. Alto ben 2,16 metri e con un fisico statuario, era uno degli idoli dei tifosi del basket. “Addio gigante buono”, lo saluta uno dei suoi tanti fan su una pagina di simpatizzanti della Stella Rossa, con cui il 27enne aveva vinto il campionato serbo e la Lega Adriatica dello scorso anno, oltre alla Supercoppa nel 2018.

EDS