Riccardo Muti, chi è la moglie Cristina Mazzavillani: la loro storia

0
8

Cristina Mazzavillani è la moglie del celebre direttore d’orchestra Riccardo Muti. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei. 

Cristina Mazzavillani è felicemente sposata da ben 51 anni con Riccardo Muti, celebre direttore d’orchestra italiano, insieme al quale ha avuto tre figli: Chiara, Domenico, Francesco. Conosciamola più da vicino.

Leggi anche –> Riccardo Muti, chi è: età, vita privata e carriera del direttore d’orchestra 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Cristina Mazzavillani

Cristina Mazzavillani è nata e cresciuta a Ravenna, dove tuttora vive, e ha studiato pianoforte didattico e canto artistico presso il Conservatorio di Milano, diplomandosi col massimo dei voti. Nel 1967 ha debuttato come protagonista dell’Osteria di Marechiaro di Paisiello diretta da Riccardo Muti. E’ stato quello l’inizio di un grande amore che li lega da oltre mezzo secolo.

Dopo il matrimonio la Mazzavillani ha deciso di abbandonare la carriera artistica per dedicarsi alla famiglia, continuando sempre però a occuparsi di arte e spettacolo, organizzando eventi culturali e musicali di successo. Come regista ha inoltre firmato diverse opere teatrali: da “Orfeo” di Monteverdi a “I Capuleti e i Montecchi”, passando per “Il Trovatore ” e “Pietra di Diaspro” di Adriano Guarnieri. Tra gli ultimi lavori vale la pena di ricordare “La Traviata” del 2008 e “Tenebrae” di Guarnieri del 2010.

Cristina Mazzavillani si è fatta anche conoscere e apprezzare come organizzatrice e “anima” del Ravenna Festival, evento musicale per cui ha ricoperto il ruolo di Presidente e capo del comitato artistico dal 1989. Un ruolo prestigioso e che le è valso diversi premi e riconoscimenti: dal Jerusalem Foundation Award del 2000 all’onorificenza di Grand’Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana, ricevuta nel 2005 dal Presidente della Repubblica. Dopo 31 anni di lavoro per il Ravenna Festival, lo scorso dicembre ha annunciato il suo addio alla manifestazione annuale di musica, spettacolo e cultura.

EDS