Viaggiare aumenta l’empatia e fa crescere il nostro “io” interiore?

Il viaggio può aumentare l’empatia e la socialità tra persone diverse?

Il viaggio aumenta l'empatia?
Viaggio – Pixabay

Viaggiare, lo abbiamo sempre detto e sostenuto, fa bene all’anima. Il nostro corpo viene invaso dalla serotonina, l’ormone della felicità, già quando iniziamo a pensare di organizzare una vacanza… figuriamoci nel momento della partenza! Ma non solo, come riporta il National Geographic, grazie ad uno studio della psicoterapeuta F. Diane Barth su Psychology Today, emerge un’importante novità: viaggiare aumenta l’empatia.

L’empatia si sviluppa viaggiando per il mondo?

La capacità di immedesimarsi nelle emozioni e nelle sensazioni provate da un’altra persona non semplice da provare. Non è nemmeno una dote innata, ma sembra che possa essere insegnata. Pare infatti, secondo recenti sondaggi, che viaggiare aiuti ad aprire maggiormente la mente delle persone e che questo, di conseguenza, li renda più empatici. Secondo poi uno studio del 2010 di Adam Galinsky, professore presso la Columbia Business School, partire per un viaggio porta il viaggiatore ad aumentare le connessioni con le altre culture. Del resto, viaggiare, ci pone davanti ad una condizione per cui ci dobbiamo confrontare con i nostri pregiudizi, sia consci che inconsci e questo ci porta magari a cambiare opinione, aprendoci agli altri e aumentando quindi l’empatia.

Il turismo come forma di disuguaglianza?

Tuttavia è evidente come il semplice viaggio non porti come diretta conseguenza ad un aumento di empatia. Bisogna che il singolo viaggiatore si ponga nel giusto mood e che si faccia anche delle domande davanti alle diversità che può incontrare. Tuttavia ci sono anche tesi contrastanti in merito. C’è infatti chi sostiene che il settore del turismo di massa in qualche modo porti a sviluppare invece sentimenti di disuguaglianza. Sembra infatti che vada a discapito delle popolazioni meno fortunate. Ma anche che porti proprio a differenziare tra coloro che possono viaggiare e chi invece non se lo può permettere.

Sicuramente però il viaggio, se preso nel modo giusto e fatto con la mente il più aperta possibile, aiuta a confrontarsi con realtà diverse dalla nostra. Ci porta a vedere luoghi e posti che altrimenti magari non avremmo mai conosciuto. Insomma, come ogni cosa, se effettuata con lo spirito giusto può accrescere molto il proprio io più profondo.