Home News “C’è una bomba a bordo”: l’aereo Ryanair atterra d’emergenza

“C’è una bomba a bordo”: l’aereo Ryanair atterra d’emergenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:40
CONDIVIDI

Ryanair ha rivelato la ragione dietro l’atterraggio di emergenza di stanotte: un bigliettino inquietante è stato trovato nella toilette del FR1902 in viaggio per Dublino da Cracovia.

Un volo Ryanair ha effettuato un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Londra-Stansted intorno alle 18:40 (ora locale) di oggi, lunedì 13 luglio, dopo che è stato trovato un bigliettino su cui era scritto che a bordo c’erano degli esplosivi. Il FR1902 ha ricevuto una scorta militare e cambiato rotta dopo che il capitano aveva inviato una richiesta di soccorso. I passeggeri sono poi stati evacuati in una zona sicura dell’aeroporto, dopo di che gli agenti specializzati si sono messi a cercare indizi sul colpevole. L’aereo era decollato da Cracovia in Polonia e si stava dirigendo a Dublino quando è stata fatta la sinistra scoperta.

Leggi anche –> Allarme bomba su un volo Ryanair: jet militari scortano il velivolo a Stansted

Leggi anche –> Ryanair: offerta lampo, voli scontati solo per 48 ore 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Panico tra i passeggeri del volo Ryanair (e non solo)

Un portavoce della compagnia aerea ha poi dichiarato ai colleghi del Mirror Online: “Un volo Ryanair da Cracovia a Dublino questa sera ha scoperto una nota in uno dei servizi igienici in cui si afferma che a bordo c’erano esplosivi. Il capitano ha seguito la procedura avvisando le autorità del Regno Unito e dirottato verso l’aeroporto più vicino (Stansted), dove l’aereo è atterrato normalmente, ma su una postazione remota dove i passeggeri sono sbarcati in sicurezza”.

“Ryanair – ha aggiunto il portavoce della compagnia – si scusa sinceramente per il ritardo e l’inconveniente causato alle persone coinvolte in questo imprevisto”. Diversi testimoni oculari hanno riferito che l’aereo è stato circondato dalla polizia armata subito dopo l’atterraggio. Le indagini sullo spiacevole accaduto sono tuttora in corso.

EDS