Covid-19, Lopalco avverte: “Il virus circola ancora in modo subdolo”

L’esperto che si occupa di gestire la task force in puglia, Pier Luigi Lopalco avverte la popolazione che il Covid circola ancora e bisogna stare attenti.

In questa fase di relativa serenità, con il Covid che sembra aver arrestato la sua corsa e sempre meno malati gravi, in molti possono aver pensato che il virus non rappresenti più un problema come prima. Tuttavia numerosi esperti predicano calma ed anzi invitano sia i cittadini che le autorità a lavorare alacremente per fare abbassare ulteriormente la curva di contagio. Uno di questi è sicuramente Andrea Crisanti che di recente ha invitato ad un maggior controllo per evitare una seconda ondata disastrosa in inverno.

Leggi anche ->Seconda ondata, Crisanti preoccupato: “Così il prossimo inverno rischiamo”

Più positivo, sebbene sia convinto che in questa fase il virus non abbia smesso di circolare, è il virologo Pier Luigi Lopalco. In una recente intervista rilasciata a ‘Fanpage’, l’epidemiologo, ordinario di Igiene e Medicina Preventiva dell’Università di Pisa e coordinatore scientifico della task force della Regione Puglia per l’emergenza Covid-19, ha dichiarato: “Io credo che il virus, in maniera subdola e nascosta, circoli un po’ in tutte le regioni. Anche nei giorni scorsi abbiamo visto che sono stati identificati dei focolai”.

Leggi anche ->Rischio contagio | Lopalco | “Asintomatici un pericolo per gli ospedali”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Covid-19, Lopalco: “Tenere alta la guardia”

Secondo l’esperto questa diffusione nascosta del Covid andrà avanti in questa maniera per tutta l’estate. La possibilità di spostarsi per tutto il territorio, inoltre, potrebbe facilitare la diffusione del contagio, generando quindi dei focolai in diverse zone del Paese. Tuttavia allo stato attuale, Lopalco chiarisce che non c’è bisogno di un nuovo lockdown, bisogna semplicemente mantenere l’attenzione alta: “Nel momento in cui abbiamo alta la guardia e messo in sicurezza le strutture ‘delicate’, come gli ospedali e le case di riposo, quello che va fatto è cercare di avere un po’ di prudenza nelle relazioni sociali”.