Home Dove, come e quando Dove andare estate 2020: la Turchia riapre le frontiere

Dove andare estate 2020: la Turchia riapre le frontiere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:57
CONDIVIDI

Dove andare per l’estate 2020: le regole per entrare in Turchia

istanbul coronavirus
La Turchia riapre le frontiere

Frontiere aperte in Turchia. Se state pensando a dove andare in vacanza nell’estate 2020 potete inserire la Turchia fra le mete papabili. Il governo di Instabul ha infatti deciso di abrogare le limitazioni all’ingresso consentendo così il libero ingresso dei cittadini stranieri e di fatto consentendo la ripartenza del turismo. Con la Turchia che riapre le frontiere si fa sempre più ampio il numero di Paesi dove si può andare in viaggio, ma attenzione fuori dall’Unione Europea possiamo andarci solo dal 1 luglio. Intanto all’interno dell’Unione Europea sono ormai parecchi i Paesi che hanno tolto ogni limitazione all’ingresso, ma molti ancora invece mantengono le frontiere chiuse.

Turchia frontiere aperte: da quando si può andare

Il Ministero degli Affari Esteri turco ha informato che tutte le limitazioni alle frontiere dovute al coronavirus sono state abrogate. Dunque l’attraversamento delle frontiere per via aerea, marittima e terrestre (ad esclusione del confine con l’Iran) è adesso consentito. I cittadini stranieri che entrano in Turchia dovranno sottoporsi ad uno screening sanitario e in caso si ravvisino sintomi riconducibili al Covid-19 saranno sottoposti al test PCR gratuito.

Il controllo sanitario si basa principalmente nella misurazione della temperatura e nell’esame clinico dei sintomi. In caso di febbre uguale o superiore a 37.5 la visita medica sarà approfondita e il passeggero sottoposto a PCR. In seguito al risultato del test le autorità potrebbero disporre il ricovero in ospedale.

I cittadini italiani prima del 30 giugno non possono però viaggiare al di fuori dell’Europa, se non per comprovati motivi di lavoro o familiari. Infatti nel DPCM dell’11 giugno è ribadito che i viaggiatori italiani possono muoversi liberamente da e per i seguenti Stati:

  • Stati membri dell’Unione Europea
  • Stati parte dell’accordo di Schengen
  • Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord
  • Andorra, Principato di Monaco
  • Repubblica di San Marino e Stato della Citta’ del Vaticano

Dal 1 luglio dovrebbe quindi essere possibile tornare a viaggiare anche per altri Stati, tra cui dovrebbe esserci la Turchia. Nel frattempo le compagnie aeree stanno ripristinando tutti i voli. Al momento sono operativi fra l’Italia e la Turchia i voli con la Pegasus Airlines e con Alitalia.

Se avete intenzione di passare le vostre vacanze in Turchia visitando Istanbul, oppure la Cappadocia con Goreme, i camini delle Fate oppure volete andare al mare ad Antalya è consigliabile che consideriate di andarci da metà luglio in poi onde evitare ogni tipo di problema. Prima di acquistare i biglietti aerei informatevi con la compagnia sull’operatività del volo e sulle condizioni di cancellazione. Fate lo stesso anche con la prenotazione alberghiera sia se prenotate tramite un portale, sia se direttamente all’hotel.

CONDIVIDI
Articolo precedente21enne colpito da ictus mentre si allena: “Era in formissima”
Articolo successivoValeria Marini, terribile rimpianto: “Ecco il mio errore più grande”
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.