Coronavirus, la profezia del 1991: “Nel 2020 ci sarà una crisi”

Spunta una nuova profezia per Coronavirus del lontano del 1991 con due studiosi, William Strauss e Neil Howe, che avevano ipotizzato una crisi nel 2020

Howe crisi

Una profezia davvero lungimirante. Due studiosi, William Strauss e Neil Howe, che hanno influenzato leader come Bill Clinton e Al Gore, avevano ipotizzato: “Nel 2020 ci sarà una crisi, ecco chi ci salverà”. Non si parlava prettamente di pandemia, ma “la crisi del 2020 sarebbe stata paragonabile alle altre grandi prove sostenute dai nostri antenati. Rappresenterà il prossimo grande punto cardine della storia”. Nel libro intitolato “Generazioni” si ipotizzava o di un disastro ambientale, una minaccia nucleare o una disfatta economica. Il tutto faceva fede, come riporta al New York Times, all’andamento ciclico della storia degli Stati Uniti visto che ogni 80 anni succedeva qualcosa di importante.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, la sconvolgente “profezia” contenuta in un romanzo

 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, la profezia del 1991: “Nel 2020 ci sarà una crisi”

Inoltre, lo stesso Howe ancora in vita, aveva parlato anche di una rivoluzione per quanto riguarda la classe politica: la vecchia dirigenza deve essere sostituti dai più giovani e ci sono anche i nomi Alexandria Ocasio-Cortez di 30 anni, Pete Buttigieg, di 38, e il senatore Josh Hawley del Missouri di 40 anni. La vecchia generazione ha sottovalutato il coronavirus e i vari cambiamenti climatici hanno facilitato l’arrivo della pandemia.