Coronavirus, farmacista truffato: ordina 10mila mascherine, ecco cosa gli arriva

Francesco, farmacista residente a Milano, si è visto recapitare scatoloni pieni di rifiuti invece delle preziose mascherine anti-Coronavirus. 

Ha ordinato 10mila mascherine i primi giorni di marzo, quando erano pressoché introvabili, certo di aver fatto un ottimo affare. Poi, subito dopo la consegna, al momento dell’apertura delle scatole, l’amara sorpresa: Francesco, farmacista milanese, ha trovato qualcosa di veramente inaspettato e ha capito di essere rimasto vittima di una truffa del valore di ben 10mila euro.

Leggi anche –> Truffa Coronavirus, studente inganna le vittime: la “tax break” fasulla

Leggi anche –> Mascherine, l’Iss avverte: “Il Coronavirus rimane per 4 giorni, gettatele dopo l’uso”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il farmacista vittima di un incredibile raggiro

In diretta nell’ultima puntata di Pomeriggio Cinque si sono aperti gli scatoloni ricevuti da Francesco: “Una mia cliente fidata mi ha fornito un numero – ha raccontato il farmacista a Barbara d’Urso -. Ho chiamato questa persona e mi ha detto che avrei dovuto fare un bonifico da 10mila euro come anticipo”. “Erano i primi di marzo e io ero alla ricerca pazza di mascheri ne -ha aggiunto -. Avevamo bisogno di queste mascherine”. Troppo bello per essere vero, purtroppo. All’interno dei tanto agognati pacchi, il malcapitato ha trovato piatti sporchi, vestiti usati, un computer rotto e qualche coperta. “Non vi dico l’odore che esce da questo scatolone”, ha chiosato l’inviata della trasmissione, tanto per rendere l’idea…

EDS