Home News Sandra Milo in sciopero della fame: “Così aiuto gli artisti disperati”

Sandra Milo in sciopero della fame: “Così aiuto gli artisti disperati”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:28
CONDIVIDI

Sandra Milo scende in campo a sostegno di tutti coloro che sono stati penalizzati dall’emergenza Coronavirus e dal lockdown, a partire dagli artisti.

A 87 anni suonati Sandra Milo è pronta a intraprendere una nuova battaglia. L’attrice ha infatti annunciato che, a partire da domani, inizierà uno sciopero della fame per difendere chi si trova in una situazione ormai disperata a causa dell’emergenza Coronavirus e dal lockdown, gli artisti in primis.

Leggi anche –> Sandra Milo, chi è: età, amori, carriera e vita privata dell’attrice 

Leggi anche –> Coronavirus Italia: dati aggiornati live contagio Regioni 19 maggio 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La protesta di Sandra Milo

Sandra Milo vuole richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e soprattutto della classe politica sulla situazione in cui versano in suoi colleghi e chiedere al governo un intervento a favore di tutti coloro che hanno perso il lavoro.

“Comincio lo sciopero della fame, per difendere tanta gente disperata, che ha fame – ha annunciato la musa di Fellini ha lanciato ospite della trasmissione “Un Giorno da Pecora” su Rai Radio 1 -. Vogliamo che il governo riceva una delegazione di noi artisti e lavoratori autonomi”. “Voglio ringraziare Conte ed il governo per quanto fatto durante per arginare questa pandemia – ha aggiunto l’attrice -, ma ora è necessario che salvino gli artisti dalla fame. Io sono la responsabile nazionale di un movimento politico e culturale di artisti di autonomi e partite Iva e voglio chiedere a Conte se riceve una nostra delegazione per fargli delle proposte in difesa di tutti gli artisti e degli autonomi”.

Come noto, i teatri, i cinema e i luoghi di cultura e spettacolo in generale sono stati tra i primi a subire i contraccolpi dell’emergenza Coronavirus, e saranno tra gli ultimi a riaprire. Dal prossimo 15 giugno potranno riprendere l’attività, ma il percorso si annuncia tutto in salita. “È giusto riaprire – ha detto in proposito Sandra Milo -, c’è una tale disperazione in giro, anche se non se ne parla…”.

EDS