Home News Disneyland Shangai: il Parco divertimenti cinese riapre con delle restrizioni

Disneyland Shangai: il Parco divertimenti cinese riapre con delle restrizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:20
CONDIVIDI

Il Parco Disneyland di Shanghai ha riaperto oggi al pubblico, ma ovviamente ci saranno delle restrizioni. Tuttavia, la riapertura del parco divertimenti è segno del graduale ritorno alla normalità della Cina nonostante la persistente minaccia del coronavirus.

Disneyland Shangai riapre al pubblico

Disneyland Shangai riapre al pubblico

Disneyland Shangai, situato nella città più grande della Cina, è il primo al mondo a riaprire i battenti dall’inizio della pandemia, con conseguenze economiche significative per il gruppo di intrattenimento americano.

Con il rallentamento della diffusione del coronavirus in Cina nelle ultime settimane, il Paese ha iniziato ad aprire alcune attrazioni turistiche, come la Grande Muraglia e la Città Proibita di Pechino.

Al parco divertimenti Disneyland Shanghai, i visitatori dovranno indossare una mascherina e dimostrare – attraverso una App scaricabile sul cellulare – di non essere affetti dal Covid-19.

Quali saranno le restrizioni applicate?

La ripresa dell’attività sarà progressiva. Il parco prevede di ospitare un massimo di 24.000 persone al giorno per diverse settimane invece delle consuete 80.000. È inoltre obbligatorio prenotare online in anticipo.

All’interno del parco, gli annunci di pubblica utilità ricorderanno ai clienti di mantenere le distanze tra loro. Sul terreno, le linee gialle segneranno la distanza minima tra le persone.

Il parco ha inoltre promesso di aumentare la frequenza di disinfezione e di limitare, o addirittura eliminare, le interazioni tra il pubblico e personaggi come Topolino e Paperino.

Secondo la stampa locale, nonostante i timori, venerdì scorso i biglietti per il primo giorno di apertura sono stati esauriti pochi minuti dopo aver aperto la vendita online.

“Anche se molte attrazioni sono ancora chiuse, siamo molto impazienti”, ha detto all’Agenzia d’informazione mondiale AFP un visitatore all’ingresso del parco, accompagnato da una bambina di cinque anni. “Abbiamo passato due mesi rinchiusi, è stata una noia mortale”, ha aggiunto l’uomo.

La pandemia ha messo la Cina e tutti gli altri paesi del mondo in ginocchio

La pandemia è iniziata alla fine del 2019 nella città di Wuhan per poi diffondersi nel resto della Cina e del mondo intero.

Grazie a radicali misure di contenimento, da marzo la Cina ha registrato un costante calo del numero di casi. Da metà aprile non sono stati registrati nuovi decessi.

Tuttavia, il numero di casi di contaminazione è aumentato di nuovo negli ultimi giorni, soprattutto a Wuhan, dove non ci sono state nuove infezioni per un mese.

Disneyland Shangai riapre al pubblico

La riapertura del parco Disneyland di Shangai è una speranza per tutto il mondo

In ogni caso, la riapertura del parco di Shanghai è una buona notizia per il gruppo Walt Disney, che negli ultimi mesi è caduto in borsa.

La multinazionale dell’intrattenimento stima l’impatto negativo della crisi economica e sanitaria sulle sue attività a 1,4 miliardi di dollari, compreso un miliardo di dollari relativo ai suoi parchi di divertimento e ad altre attività.

“Ci troviamo di fronte a un’interruzione generalizzata”, ha detto Bob Chapek, il Presidente del gruppo, che la scorsa settimana ha presentato i risultati finanziari del primo trimestre (con un calo del 91% dell’utile netto a 475 milioni di dollari).

I funzionari Disney non sanno quando saranno in grado di riaprire i parchi, gli spin-off e altri resort, comprese le navi da crociera.

Hanno anche posticipato le date di uscita di film molto attesi come ‘Mulan’ (Disney), ‘Black Widow’ (Marvel) o ‘Soul’ (Pixar).

D’altra parte, Disney può essere soddisfatta del successo di Disney+, la sua piattaforma di streaming lanciata in autunno in Nord America e in Australia e poi distribuita in diversi paesi europei nel mese di marzo.

Disney ha chiuso il suo parco a Shanghai alla fine di gennaio. Ha poi ha fatto lo stesso con le sue strutture negli Stati Uniti, in Francia, in Giappone e a Hong Kong.

La riapertura del parco divertimenti Disneyland di Shangai è una speranza per tutti coloro che non vedono l’ora di tornare alla normalità, non solo in Cina ma nel mondo intero.

 

 

 

Lucia Schettino