Antonio Logli oggi | cosa fa il marito di Roberta Ragusa

Condannato per l’omicidio di sua moglie, Antonio Logli oggi si trova recluso in carcere e lavora per un futuro ritorno nella società.

Antonio Logli oggi
Cosa fa Antonio Logli oggi Foto dal web

Nei mesi scorsi Antonio Logli era stato condannato in via definitiva dalla Corte di Cassazione per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa. Un delitto del quale si parla ancora oggi ed avvenuto nel gennaio del 2012. Situazione della quale lui si è sempre professato innocente.

LEGGI ANCHE –> Roberta Ragusa, corpo nel tombino: ecco perché Antonio Logli non dirà mai dove si trova

Ma per la giustizia italiana non è così, ed ora l’uomo, ex titolare di una scuola guida, si trova in carcere a Massa per scontare 20 anni di reclusione dopo essere stato ritenuto colpevole di omicidio volontario e distruzione di cadavere.  Sua moglie fece perdere ogni traccia sparendo nel nulla dalla loro casa di Gello ed il corpo non è mai venuto alla luce. Logli ha sempre sostenuto che la propria coniuge abbia deliberatamente scelto di scappare da tutto e da tutti, anche a costo di far credere ad un suo assassinio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Antonio Logli, l’omicidio di Roberta Ragusa: ecco il vero movente

Antonio Logli oggi, cosa fa in carcere

Intanto lui in carcere ha intrapreso una nuova professione, lavorando come impiegato al lanificio dell’istituto penitenziario dove è recluso. Il suo nuovo avvocato ne parla al settimanale ‘Giallo’. Nel frattempo sembra che lo stesso legale sia al lavoro per raccogliere elementi utili a poter chiedere la revisione del processo. Logli si è anche rivolto alla trasmissione di inchieste di cronaca nera ‘Quarto Grado’ per descrivere la propria sensazione di persona vittima di una ingiustizia. Ed anche per portare all’attenzione alcuni elementi contestabili a suo dire nel novero di quelle che sono state le indagini sul caso.

LEGGI ANCHE –> Roberta Ragusa in un tombino di casa, intercettazione choc di Antonio Logli