Home News La cura con il plasma inventata a Pavia funziona benissimo, Covid-19 può...

La cura con il plasma inventata a Pavia funziona benissimo, Covid-19 può essere sconfitto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05
CONDIVIDI

Ancora buone notizie per quanto riguarda la battaglia al Covid-19: a Pavia continua alla grande la cura con il plasma, i dettagli

Coronavirus sintomi

Una nuova bella notizie proveniente da Pavia. L’emergenza Coronavirus ha sconvolto il mondo intero e così al San Matteo continua alla grande la cura con il plasma. L’attore Tom Hanks insieme alla moglie Rita Wilson, dopo aver sconfitto il coronavirus, hanno donato il proprio plasma contenente gli anticorpi per sconfiggere il virus.  Così a Pavia 250 persone sono propense ad effettuare una donazione per la cura sperimentata da Cesare Perotti, direttore del servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale del San Matteo.

Leggi anche -> Coronavirus, sperimentazione sull’uomo vaccino Covid allo Spallanzani

 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cura plasma Pavia, l’analisi del professore Perotti

Così il professore Perotti ha svelato ai microfoni de “Il Giorno” ciò che potrebbe accadere nelle prossime settimane: “I pazienti convalescenti hanno risposto entusiasticamente. Ma non tutti i donatori sono idonei. I primi pazienti che hanno contratto la malattia non hanno più anticorpi neutralizzanti che servono a sconfiggere il virus”. Le 120 sacche raccolte al San Matteo sono state inserite a 52 malati con ottimi risultati come rivelato da Perotti: “I pazienti arruolati per l’indagine stanno bene. Ora chiuderemo la sperimentazione e speriamo di pubblicarne a brevissimo i risultati. Poi lavoreremo a un’altra sperimentazione, allargando il numero dei pazienti da arruolare”.

Infine, ha concluso così: “Il plasma deve essere infuso prima che il paziente venga portato in rianimazione. Adesso stiamo stoccando delle sacche per un’eventuale seconda ondata di ottobre e lavoreremo finché ci saranno convalescenti. Sempre collaborando con altri ospedali”.

covid 19 italia