Coronavirus, sperimentazione sull’uomo vaccino Covid allo Spallanzani

Arrivano buone notizie anche in Italia per quanto riguarda il vaccino Covid: allo Spallanzani sarà sperimentato a luglio su uomo

Da lunedì 4 maggio inizierà la Fase 2 in Italia. All’Istituto Spallanzani di Roma partiranno tra poche settimane i primi test sull’uomo del vaccino contro il Covid-19. Il direttore sanitario, Francesco Vaia, ha svelato come riportato dall’Ansa: “Procedendo con questi ritmi sarà possibile avviare da luglio le prime sperimentazioni sull’uomo”. Poi ha aggiunto: “Se i primi test daranno un esito positivo, porteranno nel 2021 alla somministrazione del vaccino su un alto numero di
persone a rischio e, spero, alla dimostrazione della sua
efficacia”.

Leggi anche -> Sulmona, operaio 45enne muore di Coronavirus: “Comunità sotto choc”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, l’idea per il vaccino Covid

Inoltre, all’Istituto per le malattie infettive ci si sta preparando allestendo un’area dell’ospedale che sarà dedicata alla somministrazione del vaccino a volontari sani. A maggio ci sarà la selezione dei volontari, circa una cinquantina, per essere già pronti per la fine di giugno. Inoltre, dallo Spallanzani hanno spiegato che sarà un vaccino genetico basato su un vettore virale lavorato dalla società ReiThera, azienda di biotecnologie con sede a Castel Romano. Vaia, infine, ha concluso: “A differenza dei vaccini tradizionali, i vaccini genetici non utilizzano un microorganismo inattivo o parte di esso ma il gene che codifica per l’antigene del microrganismo che si vuole neutralizzare”.