Home Destinazioni e Guide turistiche Resto del Mondo I tesori nascosti della Costa Verde brasiliana: Ilha Grande e Paraty

I tesori nascosti della Costa Verde brasiliana: Ilha Grande e Paraty

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:00
CONDIVIDI

Il litorale dello stato di Rio de Janeiro nasconde spiagge semi-deserte di sabbia bianca e fina. La maggior parte di esse sono circondate dalla foresta pluviale, in quanto tutte appartenenti alla Costa Verde, ovvero l’insieme di paesini e isole semi-vergini caratterizzate da acque color smeraldo e palme da sogno.
Alcune delle migliori perle della Costa Verde, come Paraty e Ilha Grande, sono facilmente raggiungibili da Rio in un paio d’ore.

il litorale di rio: ilha grande
Praia Aventureiro – ilha Grande

Paraty: una delle perle del litorale di Rio de Janeiro

Paraty è forse uno dei comuni più affascinanti di tutto il Brasile. Esso si trova a 275 km da Rio de Janeiro ed è facilmente raggiungere in bus partendo dalla stazione rodoviaria della città meravigliosa.

La cittadina fu fondata a metà del XVI secolo e fu il porto di partenza dell’oro brasiliano di Minas Gerais verso il Portogallo. Il suo successivo declino, dovuto alla crescita di Rio de Janeiro e di altri porti vicini, ne ha rallentato lo sviluppo e le ha permesso, dunque, di rimanere ancora oggi un’antica città portuale circondata da una giungla lussureggiante.

Noleggiando una barca al molo della città, o prenotando un tour organizzato, potrete visitare calette deserte dove nuotare in acque color smeraldo accompagni da tartarughe di grandi dimensioni.
Paraty, inoltre, offre anche un incredibile centro storico coloniale dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Esso è caratterizzato da vicoli stretti e case piene di colori. La chiesa di Santa Rita, presente sulla maggior parte delle cartoline della cittadina, è tra le più famose chiese dello stato di Rio de Janeiro.

costa verde: paraty
Il porto e la chiesa di Santa Rita – Paraty

Oltre alle bellezze naturali e storico-culturali, Paraty è anche uno dei comuni con le migliori cachaças artigianali del paese. Buoni ristoranti come Voilà Bistrot o Quintal das Letras renderanno il vostro soggiorno ancora più piacevole.

Tra le migliori spiagge paradisiache presenti in zona, troviamo Praia de Trindade e Praia do Sono. Esse sono due delle spiagge più incredibili della costa sudorientale brasiliana, e raramente si riempiono di turisti, in quanto si tratta di spiagge chilometriche nascoste nella foresta pluviale e non tutti sono disposti a fare lunghi trekking per arrivarci. Per i più anziani o per le famiglie con bambini, c’è la possibilità di prenotare i cosiddetti barco-taxi che vi porteranno direttamente a destinazione via mare.

Ilha Grande: l’isola lontana dalla civilizzazione

Nonostante il turismo cresca di anno in anno, Ilha Grande è ancora un luogo magico poco civilizzato. L’isola è raggiungibile solo in barca da vari comuni del litorale di Rio. in ogni caso, la maggior parte dei turisti raggiunge Ilha Grande partendo da Angra dos Reis, un paesino a 184 km da Rio de Janeiro.

Con quasi tutti i negozi, alberghi e ristoranti concentrati  nel villaggio di Abraão, il resto dell’isola è ancora quasi completamente selvaggia.

Ad Ilha Grande troverete alcune delle spiagge più incredibili del Brasile. Lopes Mendes, ad esempio, è considerata una delle più belle dell’intero paese. Essa si trova a un paio d’ore di cammino da Abraao e con i suoi tre chilometri di sabbia bianca e le sue palme imponenti, fa sognare qualsiasi turista che la visiti.

il litorale di rio: spiaggia lopes mendes
Spiaggia Lopes Mendes – Ilha Grande

Sul versante meridionale dell’isola, ancora più immerse nella natura, troviamo le spiagge di Parnaioca e Aventureiro. Esse, a differenza di Lopes Mendes, sono raggiungibili solo in barca o facendo un trekking di un’intera giornata nella foresta pluviale.

I più avventurosi, quando visitano Ilha Grande, decidono di attraversarla completamente a piedi campeggiando sulla spiaggia o nella foresta.

Per maggiori informazioni su come arrivare e cosa vedere a Ilha Grande clicca qui.

 

Dalla nostra inviata in Brasile Lucia Schettino