Fase 2 Coronavirus: distanziamento su mezzi pubblici impossibile – VIDEO

La Fase 2 del Coronavirus sarà molto complessa da eseguire in maniera corretta: distanziamento su mezzi pubblici impossibile.

I requisiti di distanziamento sociale richiesti dal Governo sono difficilmente applicabili ai mezzi pubblici. Lo spiegano i presidenti di Agens e Asstta in una missiva rivolta al ministro dei Trasporti Paola De Micheli.

Leggi anche –> Fase 2 Coronavirus | la dottoressa Gismondo | “Rischi enormi nel breve periodo”

Arrigo Giana (Atm Milano) e Andrea Gibelli (Ferrovie Nord Milano) sostengono infatti: “Il distanziamento ipotizzato di 1 metro per la Fase 2 limita la capacità del sistema dei trasporti di persone al 25-30% del numero di passeggeri trasportati in condizioni di normalità”.

Leggi anche –> Coronavirus: dal 4 maggio ok alle visite agli amici – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

razzismo autobus

Tale limite, viene evidenziato, “riguarderebbe sia la capienza dei veicoli, sia quella dei luoghi di attesa dei mezzi, siano essi stazioni o fermate di superficie”. Insomma, l’offerta di trasporto sarebbe “assolutamente insufficiente, anche a fronte di una domanda che, prevedibilmente, sarà inferiore rispetto alla situazione pre-emergenza COVID-19”. Il distanziamento sociale di un metro potrebbe inoltre generare “sovraffollamento a ridosso delle aree di attesa delle stazioni e alle fermate, ottenendo un effetto contrario a quello desiderato”. Le associazioni di categoria infine ritengono “essenziale garantire l’equilibrio economico-finanziario dei contratti assicurando l’integrale ristoro dei minori ricavi e dei maggiori costi gravanti sulle aziende”.