Proposta di matrimonio in corsia, l’infermiere: “Mi vuoi ancora sposare?”

Un giovane infermiere campano che lavora in Brianza ha voluto rinnovare la propria proposta di matrimonio in modo originale.

Tra le tante cose che il virus ha sconvolto in questo 2020 ci sono sicuramente i progetti di matrimonio delle giovani coppie. Come da tradizione italiana, infatti, il Matrimonio è una festa collettiva in cui amici e parenti partecipano alla cerimonia e successivamente al rinfresco per gioire insieme agli sposi della decisione di passare tutta la vita insieme. Date le limitazioni che questa malattia pandemica ha comportato, i matrimoni previsti per questi mesi sono saltati e quelli che erano prenotati per i mesi estivi sono stati spostati.

Leggi anche ->Luca muore pochi giorni prima del matrimonio: “Il destino ci ha diviso”

Il rinvio delle nozze è un problema che hanno vissuto sulla propria pelle due infermieri campani. I due giovani, Jhonny Fasulo e Armida Cozzolino, si sono trasferiti da tempo in Lombardia per poter lavorare nello stesso ospedale e in questi mesi sono stati travolti dall’emergenza Covid-19. Armida in particolare lavora a stretto contatto con i pazienti affetti dal Coronavirus, visto che si trova nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Vimercate.

Leggi anche ->Fase 2 | studio coreano | “Flussi d’aria in spazi condivisi un pericolo”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Proposta di matrimonio in corsia, il gesto romantico dell’infermiere innamorato

Data la situazione i due promessi sposi hanno deciso di rinviare le nozze. Jhonny, però, ci ha tenuto a fare le cose come si deve e per restituire il sorriso alla sua fidanzata ha deciso di rifarle la proposta di matrimonio. Per l’occasione l’ha scritta sul camice – Mi vuoi ancora sposare? – e si è fatto scattare una foto da un collega per poi mandarla ad Armida. Il gesto romantico è divenuto immediatamente virale e i ragazzi sono stati contattati dal sito ‘Sposin Campania’.

Proprio al sito specializzato in cerimonie nuziali il giovane ha spiegato il motivo della sua seconda proposta: “Abbiamo capito che sposarsi in un anno del genere sarebbe stato difficile e quindi abbiamo pensato di rimandare l’evento. Non è affatto facile vivere con una persona che ami e sperare che non sia proprio tu l’untore che la farà ammalare. Ma la responsabilità e la passione non ci ha mai fermati, abbiamo continuato a fare il nostro lavoro e l’organizzazione del matrimonio è stata giustamente messa in secondo piano”.