Rita Pavone, il padre morto e quel folle errore al cimitero: cosa accadde

Rita Pavone racconta del fatale errore che ci fu con il corpo di suo padre, Giovanni Pavone, quando morì e del rapporto che aveva con lui.

Nel 2004 le spoglie del padre della celebre cantante Rita Pavone, Giovanni Pavone, andarono perse al momento dell’esumazione: per un errore involontario ma fatale, le ossa furono rovesciate dagli operatori cimiteriali, mischiandosi con quelle di altri defunti.

Leggi anche -> Il dramma di Rita Pavone, “Viva per miracolo”: ecco cosa le è successo

Leggi anche -> Figli Rita Pavone, chi sono Alessandro e George: lavoro, età, vita privata

Rita Pavone e la sua famiglia dovettero attendere quattordici anni prima che il Tar di Torino condannasse il Comune a risarcire la cantante e i suoi tre fratelli. La cifra prevista dalla sentenza è stata di 1400 euro per i danni arrecati alla famiglia, dal momento che erano già state pagate le tasse per l’esumazione. “Il Comune è ritenuto colpevole per non aver adeguatamente monitorato sull’operato della ditta incaricata di eseguire le esumazioni”, così è stato stabilito da un giudice. Il risarcimento per i danni morali alla famiglia è stato considerato pari a 2500 euro a familiare. In una dichiarazione, Rita Pavone e i suoi famigliari hanno dichiarato con grande amarezza che “da quel giorno non ci troviamo più per commemorare nostro padre il giorno dei morti”.

Rita Pavone: “Mio padre si oppose al mio matrimonio con Teddy Reno”

“Io e Teddy abbiamo tenuto la storia segreta. E visto che mia madre ci teneva moltissimo, io all’altare ci sono arrivata illibata e lui ha rispettato la mia scelta. Mio padre della storia non ne sapeva nulla, invece mia madre aveva capito e noi abbiamo tenuto tutto nascosto fino a quando lui non ha ricevuto il divorzio messicano. Poi lui lo ha ottenuto e ci siamo sposati in Svizzera nel ’68. È stato un matrimonio molto carino. Vennero mia made e mio fratello. Mio padre no, perché non voleva assolutamente”. 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Mi diceva ‘ti accorgerai che stai facendo uno sbaglio enorme’ ed ha lottato fino alla fine. Ad accompagnarmi all’altare è stato mio zio”, così ha raccontato Rita Pavone. “Mio papà dopo tanti anni che eravamo sposati, ed avevamo avuto anche il secondo figlio, un giorno venne a trovarci e mi disse ‘Mi sa che io con te ho toppato alla grande’. Io gli ho detto ‘beh, meglio tardi che mai papà'”.