Massimo Giletti, i funerali di papà Emilio: il retroscena sulla Rai

Rivelazioni importanti di Massimo Giletti, che ha voluto ricordare anche un particolare sul funerale di papà Emilio: il comportamento della RAI 

Giletti naso rotto

Torna a parlare Massimo Giletti. Ai microfoni di SuperGuidaTv il conduttore di Non è L’Arena ha parlato del suo passato come giornalista, ma ha toccato anche un retroscena importante sui funerali di papà Emilio scomparso da poco. Giletti ha così parlato delle varie trasmissioni andate in onda durante il periodo di Coronavirus: “Non ho memoria di chi è stato sospeso. No forse: Vespa e Le Iene, se non ricordo male. In fondo mi sono mancate molto Le Iene, non ho mai capito perché abbiano smesso di andare in onda siano state sospese più a lungo dei quindici giorni di quarantena o delle due settimane: è una voce che è mancata molto”.

LEGGI ANCHE >>> Massimo Giletti, l’addio straziante al padre morto a gennaio a ‘Non è l’Arena’

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Massimo Giletti, il trattamento della Rai

Sul suo possibile ritorno alla Rai lo stesso Giletti ha svelato: “Sono dei bei ricordi, ma io oggi ho un legame molto profondo con il Presidente Cairo”. Infine, ha voluto ricordare un particolare proprio con Cairo in relazione alla scomparsa di papà Emilio e del trattamento della Rai: “Ricordo che quando è morto mio padre la mattina dei funerali mi son girato e vicino a me ho trovato proprio lui. La Rai non mi ha mai mandato nemmeno un telegramma. Metto i rapporti personali prima di tutto. Vedere il Presidente al mio fianco, che la notte prima era a Roma, ha preso un aereo ed è corso da me per mettermi una mano sulla spalla in un momento durissimo, è stato sicuramente molto importante”.