Ragazzo di 17 anni accusato di stupro e reati sessuali contro 8 bambini

Contea di Devon, un ragazzo di 17 anni è accusato di stupro e reati sessuali ai danni di almeno 8 bambini che si trovavano all’ospedale pediatrico Jack e Jill di Devon. 

Nella contea di Devon un adolescente di 17 anni è accusato di stupro e reati sessuali contro 8 bambini ricoverati presso un ospedale pediatrico. Il ragazzo, che non può essere nominato, è accusato di aver usato violenza sessuale contro i bambini dell’ospedale Jack e Jill Childcare. Le accuse includono lo stupro di un bambino e 13 reati di violenza sessuale, così viene riportato dal Tabloid Daily Mail.

Leggi anche -> Ragazzo di 20 anni viene ucciso, gli sparano attraverso la finestra della cucina

Leggi anche -> Pedofilo 73enne muore in carcere: “Stuprò bambini di soli 4 anni”

Il ragazzo dovrà apparire al tribunale dei minori, anche se non è ancora stata fissata una data. La Polizia di Devon e della Cornovaglia ha condiviso oggi i dettagli riguardo le accuse del giovane, chiedendo al pubblico di non speculare sui social riguardo l’identità del giovane o di alcune delle vittime. “Ogni vittima di una violenza sessuale ha garantito l’anonimato a vita, indipendentemente dall’età o dal risultato del processo“, è stato confermato dalla Polizia. Inoltre, è stato aggiunto che “ogni sospettato al di sotto dei 19 anni non può essere identificato per legge. Qualsiasi violazione può interferire con le investigazioni di un procedimento penale attivo“.

bambino morto

La priorità per la Polizia è garantire l’anonimato

Dalla Polizia è stato aggiunto che chiunque tenti di violare l’anonimato dietro le persone coinvolte nel caso, sarà chiamato a risponderne di fronte a un giudice e potrà ricevere un’accusa come conseguenza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

E’ di vitale importanza che non si speculi sull’identità dell’imputato o delle vittime di questo caso“, questa la richiesta formale. L’ospedale Jack and Jill Childcare ha smesso di lavorare a novembre dello scorso anno e a gennaio ha confermato la decisione di chiudere per sempre.