Emiliano Perani muore a 36 anni: lascia la famiglia devastata dal dolore

Si è spento mercoledì all’ospedale San Gerardo di Monza, stroncato dal Coronavirus, il giovane fotografo lombardo con la passione dei viaggi. 

Si è interrotta tragicamente a soli 36 anni la vita di Emiliano Perani, il giovane bergamasco di Casnigo, fotografo di professione e viaggiatore per passione. Purtroppo è l’ennesima vittima della guerra che la Lombardia, insieme al resto d’Italia e ormai al mondo intero, sta combattendo contro quel nemico invisibile ma letale chiamato Coronavirus.

Leggi anche –> Morto Corrado Di Corrado, la famiglia: “Contratto Coronavirus in ospedale”  

Leggi anche –> Coronavirus, governo verso Fase 2: nuova proroga del lockdown 

Emiliano Perani è morto mercoledì all’ospedale San Gerardo di Monza. Si era diplomato nel 2003 come perito tecnico professionale della grafica pubblicitaria, e aveva iniziato la sua carriera nel 2004 come apprendista. Da oltre dieci anni – come raccontava lui stesso sul suo sito internet – lavorava “come professionista nel settore della comunicazione visiva e come grafico progettista, illustratore, fotografo e videomaker”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il triste addio a Emiliano Perani

L’ultimo post di Emiliano Perani su Facebook risale al 7 marzo scorso, quando il giovane si era sfogato dopo aver visto in montagna rifugi aperti e tanta gente in giro. I primi sintomi per lui – che è la più giovane vittima bergamasca – si erano manifestati pochi giorni dopo, il 13 marzo. Sottoposto al test, era risultato positivo al Coronavirus e quindi ricoverato in ospedale, fino al tragico epilogo di poche ore fa. Ora sui social (e non solo) sono in tanti a ricordarlo, assieme all’intera comunità di Casnigo, in Val Gandino, distrutta dal dolore. Emiliano lascia la mamma, il papà e una sorella.

Leggi anche –> Ospedale di Alzano | il timore “Il Coronavirus lì prima che a Codogno” 

EDS