Samira Sbiaa: un giallo lungo 18 anni, che fine ha fatto la donna

La scomparsa di Samira Sbiaa avvenuta a Settimo Torinese: un giallo lungo 18 anni, che fine ha fatto la donna, l’ex marito è estraneo?

Era il 7 aprile 2002 quando si sono perse le tracce di Samira Sbiaa, la donna di origine marocchina scomparsa da Settimo Torinese. Lo scorso anno, si era giunti all’incriminazione dell’ex marito della donna, Salvatore Caruso.

Leggi anche –> Samira Sbiaa, la svolta: si cerca il corpo, marito sotto accusa

L’uomo venne indagato per omicidio e si pensò che tracce del corpo della donna potessero essere nascoste proprio dentro casa sua. Ma un altro anno è passato e a oggi nulla si sa di che fine abbia fatto la donna.

Leggi anche –> Chi l’ha Visto: “Samira Sbiaa mangiava cibo scaduto e subiva violenze”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Che fine ha fatto Samira Sbiaa?

Infatti, i risultati delle analisi sui frammenti ossei ritrovati confermarono che si trattava di animali, probabilmente maiali. Insomma, i resti di ossa ritrovate in via Petrarca, a Settimo Torinese, un anno fa, non appartenevano a Samira Sbiaa. L’ex marito, ex guardia giurata, in più occasioni ha respinto ogni tipo di accusa nei suoi confronti.

Questo sebbene i familiari della donna, tra i quali la sorella Nadia in primis, abbiano da sempre sostenuto che la donna raccontasse di aver subito violenze da lui. Dunque, 18 anni dopo la domanda resta purtroppo sempre la stessa: che fine ha fatto la donna? Si è allontanata volontariamente o è stata fatta sparire dopo essere stata uccisa da qualcuno?