La telefonata che ha cambiato la vita di un padre: ora è tutto diverso

Per Graham Leach è bastata una sola telefonata da parte di sua figlia per cambiare la sua vita. Da genitore, il suo ruolo è diventato qualcosa di diverso.

Graham Leach adorava essere un nonno e giocare coi suoi nipoti ma mai avrebbe pensato di doversene occupare a tempo pieno. Una telefonata da sua figlia Cheryl, una giovane madre tossicodipendente, ha cambiato tutto. I servizi sociali avrebbero preso i suoi bambini e li avrebbero messi nel sistema, a meno che qualcuno si fosse fatto avanti.

Leggi anche -> Madre adottiva disperata: “Non liberate i genitori di mio figlio, gli hanno amputato le gambe”

Graham è stato colto completamente di sorpresa: non aveva idea che sua figlia avesse problemi con i servizi sociali, né quanto fosse seria la sua dipendenza, ma è bastata una telefonata con il dipartimento per capire che avrebbe dovuto assumere lui la custodia dei due ragazzi: Tommy, di 5 anni e Rocco, di 18 mesi. Dopo poche ore, Graham tornava nella sua casa nel Lancashire con i due bambini e i loro pochi possedimenti. L’uomo si era separato dalla moglie negli anni ’80 e aveva ottenuto la custodia dei tre figli, Cheryl di 12 anni, Carl di 10 e Martin di 8 anni. Il rapporto con sua figlia era stato sempre condizionato da alti e bassi, perché la ragazza non aveva mai superato completamente la rottura dei genitori e, quando era diventata madre, Graham la aiutava nei weekends prendendosi cura dei ragazzi. Occuparsene a tempo pieno, però, sarebbe stata un’altra sfida.

Leggi anche -> Tentata strage: figlio prova ad uccidere la madre e il marito con un cacciavite

Le difficoltà di un nonno

Entrambi i ragazzi soffrono di difficoltà nell’apprendimento. Rocco soffre di disturbo di deficit di attenzione e Tommy aveva problemi di attaccamento a causa dei traumi vissuti. Per occuparsi a tempo pieno dei ragazzi, Graham ha dovuto abbandonare il suo lavoro e non ha ricevuto alcuna assistenza e supporto economico dai servizi sociali. Adesso, che i ragazzi hanno 15 e 12 anni, hanno bisogno dei loro spazi e il nonno è stato costretto a prendere i suoi fondi pensionistici per fare un ampliamento sulla casa. Ad oggi, i due adolescenti hanno sporadici contatti con la madre, in quanto nonostante sia in riabilitazione, ha ancora molte ricadute.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!