Home News Undicenne scomparso: la matrigna del bimbo ha mentito sull’accaduto

Undicenne scomparso: la matrigna del bimbo ha mentito sull’accaduto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:06
CONDIVIDI

Undicenne scomparso: la matrigna del bimbo ha mentito sull’accaduto. Tutta la verità sulla morte di Gannon Stauch.

Secondo una dichiarazione giurata appena rilasciata, ore prima che Gannon Stauch fosse denunciato come scomparso a gennaio, la sua matrigna avrebbe ucciso l’undicenne nella sua camera da letto, nella loro casa di Colorado Springs. Mentre le autorità cercavano freneticamente il ragazzo la mattina dopo la denuncia della sua scomparsa, Letecia Stauch ha gettato il corpo del bambino di quinta elementare fuori da un’autostrada. “Le prove fisiche recuperate dalla residenza e all’interno della camera da letto di Gannon confermano che nella camera da letto si è verificato un evento violento”, afferma l’affidavit dell’ufficio dello sceriffo della contea di El Paso, aggiungendo che sono stati trovati “schizzi di sangue” sulle pareti, su un materasso e sulla moquette. Stauch, 38 anni, è stato accusata a marzo in relazione all’omicidio dell’undicenne, cinque settimane dopo aver denunciato la sua scomparsa e aver dato il via a un massiccio sforzo di ricerca da parte delle autorità federali e locali. La dichiarazione giurata dell’arresto del 28 febbraio fornisce nuovi dettagli sul caso di Gannon, tra cui il fatto che la storia di Stauch “è cambiata radicalmente più volte” rispetto alla sua dichiarazione originale, secondo cui il ragazzo non era mai tornato da una visita a casa di un amico. “Letecia ha mentito agli investigatori in diverse occasioni, ha tenuto un comportamento anormale inspiegabile, come l’ottenimento di un’auto a noleggio, la disconnessione del suo cellulare dalla rete cellulare per un lungo periodo di tempo, la falsa denuncia di un presunto stupro, i modelli di viaggio anormali… una storia in continua evoluzione con cambiamenti materiali nei fatti e nelle circostanze, e da allora ha lasciato lo Stato del Colorado”, afferma l’affidavit. La matrigna è stata arrestata in Carolina del Sud il 2 marzo e deve affrontare 13 accuse, tra cui omicidio di primo grado, abuso di minore con conseguente morte, manomissione di un corpo e manomissione di prove fisiche. Circa due settimane dopo il suo arresto, i resti del ragazzo sono stati trovati in una valigia sotto un cavalcavia della Florida, a circa 1.400 miglia da casa sua. Non è chiaro come il suo corpo sia arrivato lì.

Potrebbe interessarti anche –> Babysitter abusa di un 13enne: 3 anni dopo si scopre che è il padre del figlio

Undicenne scomparso: la matrigna è stata arrestata

Secondo la dichiarazione giurata Stauch ha denunciato la scomparsa di Gannon il 27 gennaio alle 18:55, dichiarando che l’undicenne “avrebbe dovuto essere a casa circa un’ora fa, e che non è stata in grado di localizzarlo”. Le autorità ritengono che almeno tre ore prima che Stauch chiamasse le autorità, lei stessa abbia ucciso Gannon e trasferito il suo corpo nel garage, dove lo ha caricato nel retro della sua Volkswagen Tiguan. Stauch ha poi presumibilmente ripulito le prove e ha avvertito l’ufficio dello sceriffo. Quando i deputati sono arrivati nella casa di Colorado Springs, hanno “condotto una perquisizione limitata della residenza” e hanno preso una dichiarazione da Stauch, che era “l’unica supervisione adulta conosciuta di Gannon nei giorni precedenti e nel giorno del suo omicidio”, si legge nell’affidavit. Il padre di Gannon, un membro della Guardia Nazionale, era fuori città in servizio in quel momento, ha detto lo sceriffo. L’affidavit afferma che il corpo di Gannon è rimasto nell’auto della matrigna fino alla sera successiva, quando gli investigatori ritengono che Stauch lo abbia scaricato in un’area vicino alla Colorado Highway 105. Il laboratorio della Scientifica ha poi determinato che “il sangue scoperto nella camera da letto di Gannon, il garage di Stauch e il sangue su un pezzo di truciolato” fuori dall’autostrada “corrispondono tutti al suo profilo del DNA”. Gli investigatori hanno detto che la 38enne Stauch ha poi cambiato la sua storia, sostenendo di essere stata tenuta sotto tiro e violentata da un uomo che aveva rapito Gannon. Ha dichiarato che durante il rapimento “aveva battuto la testa e potrebbe essere svenuta”, anche se i detective non hanno visto alcuna ferita notevole su di lei. “I detective che l’hanno intervistata hanno creduto che le sue dichiarazioni fossero false sulla base di precedenti esperienze di indagini su casi di violenza sessuale”, afferma l’affidavit, notando che le sue altre dichiarazioni erano “palesi menzogne progettate per fuorviare gli investigatori”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!