Home News Babysitter abusa di un 13enne: 3 anni dopo si scopre che è...

Babysitter abusa di un 13enne: 3 anni dopo si scopre che è il padre del figlio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:25
CONDIVIDI

Condannata una babysitter per abuso di minore: tre anni dopo si è scoperto che da quella relazione illecita era nato il suo bambino.

Leah Cordice, 20enne di Windsor, è stata condannata per abuso di minore e attende la sentenza del giudice per capire quale sarà la pena che dovrà scontare. I fatti risalgono a circa 3 anni prima, quando la ragazza lavorava come babysitter e si prendeva cura di un ragazzino di 13 anni. Tra i due si è instaurato un rapporto sessuale continuativo che è continuato fino a quando la giovane ha compiuto 18 anni.

Leggi anche ->Allatta al seno la figlia di 9 anni: “E’ abuso di minore, sei una pedofila”

Qualche tempo dopo Leah si è resa conto di essere rimasta incinta ed ha rivelato la notizia al fidanzato dell’epoca, suo coetaneo. Il giovane ha preso seriamente la situazione ed ha immediatamente deciso di chiederle la mano. Finita la scuola, entrambi si sono cercati un posto di lavoro ed hanno messo su casa. Quella brutta parentesi sembrava superata e Leah ha deciso di tenere per sé il rapporto con il ragazzino a cui doveva badare.

Leggi anche ->Insegnante abusa di alunno 15enne | era stata una miss nel 2014

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Babysitter abusa di un 13enne, dopo 3 anni scopre che è il padre del figlio

Il ragazzino, però, non è più riuscito a tenere per sé quel segreto ed ha raccontato alla madre l’abuso subito. La donna ha immediatamente denunciato l’ex dipendente e per Leah è cominciato un periodo decisamente duro. La ragazza è stata interrogata dalla polizia e quando si è scoperto che aveva un figlio che poteva essere del 13 enne, il piccolo è stato sottoposto ad un test del dna. Da questo è risultato che il bambino era figlio della vittima e non del marito. La babysitter è stata condannata ed ora attende la sentenza. Il marito, distrutto per il ciclone che l’ha travolto, chiede che la moglie non vada in carcere e sarebbe disposto a crescere il figlio come suo.