Wuhan, nuova allerta Coronavirus: “Restate in casa, il rischio è ancora alto”

A Wuhan si torna a temere l’esplosione di un secondo contagio. Le autorità chiedono ai cittadini di rimanere ancora in casa per evitare rischi.

Sin da quando la diffusione del Coronavirus è approdata anche in Europa, gli stati europei tengono sempre un occhio aperto su ciò che succede a Wuhan, città epicentro del contagio. Per diversi giorni nella Prefettura dello Hubei non sono stati rilevati nuovi casi di Covid-19, fattore di non poco conto poiché ha permesso al governo di riaprire i trasporti nella regione, ad eccezione di Wuhan (nella quale lo stesso allentamento è previsto per il prossimo 8 aprile).

Leggi anche ->Italiano in quarantena a Wuhan: “Dopo 2 mesi posso uscire per 2 ore al giorno”

Dall’1 aprile sono stati registrati dei nuovi casi di contagio proprio nello Hubei. Si tratta  in ogni caso di numeri non preoccupanti, visto che parliamo di due contagiati l’altro ieri e un contagiato 24 ore fa. Sempre in Cina, infatti, gli ospedali si stanno impegnando a ricevere dei casi di ritorno, ovvero dei cittadini cinesi che, contagiati, erano rimasti all’estero. La situazione fa ben sperare, ma ciò nonostante non si può abbassare la guardia.

Leggi anche ->Cina: lo Hubei riapre le porte, Wuhan rimane chiusa fino all’8 aprile

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Wuhan, nuovo allerta Coronavirus: “State in casa”

Il timore delle autorità, infatti, è che il contagio riprenda a diffondersi e venga generato un secondo focolaio. In quel caso tornerebbe la paura e la situazione potrebbe essere anche più grave di quella vissuta sino a poche settimane fa. Proprio per questo, il segretario del Partito comunista locale, Wang Zhonglin, ci ha tenuto a lanciare un nuovo allerta alla cittadinanza. Tramite la stampa infatti, questo ha dichiarato: “Il rischio di rimbalzo della pandemia resta alto a causa di fattori interni ed esterni”. Motivo per cui ha chiesto a tutti i cittadini di rafforzare le “misure di auto-tutela”.