Fantozzi subisce ancora: trama, cast, curiosità del film con Paolo Villaggio

Fantozzi subisce ancora: tutte le informazioni sulla pellicola del 1983, quarto capitolo della saga con la maschera portata al successo da Paolo Villaggio.

fantozzi-subisce-ancora

Giovedì 2 aprile andrà in onda su NOVE un’altro dei film cult relativi alla saga con protagonista il ragionier Ugo Fantozzi. La pellicola del 1983 racconta nuovamente la sfortuna e le vessazioni a cui il personaggio verrà come al solito sottoposto. Questa volta Villaggio non è alla regia, firmata solo da Neri Parenti.

Si tratta del primo film a non essere tratto da un libro dell’attore genovese, frutto di una sceneggiatura originale. Fantozzi subisce ancora è dedicato alla memoria di Giuseppe Anatrelli, l’attore che nei film precedenti aveva interpretato il geometra Calboni, morto nel 1981: il suo posto viene preso da Riccardo Garrone.

Leggi anche–> Stasera in tv film – Doc | Nelle tue mani: personaggi e trama episodi 3 e 4

Fantozzi subisce ancora: trama

Il ragionier Ugo Fantozzi – dopo aver “coperto” i suoi colleghi assenteisti per tutta una giornata – viene aspramente rimproverato per essere andato in bagno. Tornato a casa, deve affrontare la temibile riunione di condominio, dove gli viene demolita mezza casa. Scopre poi che la figlia Mariangela è incinta: con la moglie si reca a parlare con il padre del nascituro e scopre che si tratta di un losco figuro che ha irretito sua figlia per scommessa. Cerca così di farla abortire ma anche qui le cose non andranno come sperato. Il piccolo così nasce ed è bruttissimo come la mamma.

Intanto, in ufficio ci sono i campionati di sport aziendali, dove ovviamente Fantozzi fa una pessima figura; arrivano poi le elezioni e Fantozzi decide di non andare a votare, ma durante una vacanza famigliare viene prelevato dai pompieri e lasciato nel mezzo di un incendio.

Curiosità

Nel film la figlia di Fantozzi resta incinta di Loris Batacchi: nella scena in cui Fantozzi sembra scaraventare la figlia sul comodino, in realtà si capisce benissimo che si tratta di una vestaglia vuota.

Nella scena in cui Fantozzi va a riprendere Mariangela nel negozio di animali si vede che la Bianchina ha sul davanti uno stemma della fiat 500.

Nella scena della staffetta, la miccia della dinamite continua ad allungarsi ogni volta che sta per esplodere.

Fantozzi nella scena delle elezioni porge al presidente di seggio tre carte d’identità, bianche, ma il presidente di seggio, nella contro inquadratura, ha invece in mano due carte bianche e una con la copertina nera, l’ultima.