Coronavirus, ecco le prime foto del virus isolato in Lombardia

Un microscopio elettronico ha catturato le prime immagini del Coronavirus isolato nel Laboratorio di Malattie infettive dell’università Statale-ospedale Sacco. 

Il Coronavirus ha finalmente un volto, se così si può dire. Sono infatti arrivate da Milano le prime foto, catturate al microscopio elettronico, del virus Sars-CoV-2 isolato nel Laboratorio di Malattie infettive dell’università Statale-ospedale Sacco, coordinato da Massimo Galli e Gianguglielmo Zehender in collaborazione con l’Anatomia patologica diretta da Manuela Nebuloni del Dipartimento di Scienze biomediche e cliniche Luigi Sacco. Immagini che non possono lasciare indifferenti, dopo il pandemonio scatenato in queste settimane da un nemico fino a poco fa “invisibile”.

Leggi anche –> Nuovo studio su Coronavirus e clima: caldo e umidità potrebbero sconfiggerlo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo zoom sul Coronavirus “lombardo”

Nelle foto del virus SarsCoV2 si vedono bene le particelle virali attaccate alle membrane delle cellule e la loro tipica corona – da cui il nome Coronavirus – di glicoproteine superficiali. A ottenere gli isolamenti – ricorda in una nota UniMi – sono stati i ricercatori Alessia Lai, Annalisa Bergna, Arianna Gabrieli (tre giovani scienziate precarie) e Maciej Tarkowski (ricercatore polacco in forze a Milano), mentre le osservazioni al microscopio elettronico e le immagini sono opera di Antonella Tosoni e Beatrice Marchini.

Nell’istantanea principale, spiegano ancora dall’ateneo, “si osservano chiaramente, ad un ingrandimento di 30000X, le particelle virali di Sars-CoV-2, adese alle membrane sulla superficie e all’interno di cellule Vero E6 utilizzate per l’isolamento”. La seconda figura mostra invece “la combinazione di 2 immagini a diverso ingrandimento (50000X e 140000X) che mostra le particelle virali con la tipica ultrastruttura caratterizzata dalla corona di glicoproteine superficiali”. Se non altro, il nemico è ora senza maschera.

Leggi anche –> Coronavirus | Lo studio: “Contagiosi anche con sintomi lievi” 

EDS

Covid 19