Home News Coronavirus | Lo studio: “Contagiosi anche con sintomi lievi”

Coronavirus | Lo studio: “Contagiosi anche con sintomi lievi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:17
CONDIVIDI

Secondo uno studio, il Coronavirus può essere trasmesso anche da coloro che presentano sintomi molto lievi. Si moltiplica nelle alte vie respiratorie. 

Lo studio su Vo’ Euganeo aveva già dimostrato come gli asintomatici sono ugualmente una fonte di contagio, proprio per questo non stupisce che Sars Cov 2 possa trasmettersi in modo efficiente anche da chi presenta dei sintomi lievi. La ricerca, pubblicata su Nature dal gruppo dell’Università Charité di Berlino, perché si moltiplica con facilità nelle alte vie respiratorie.

Leggi anche -> Coronavirus, in Italia anche oggi oltre 700 morti: i dati del contagio

La ricerca, che è stata diretta dal virologo Christian Drosten, si è basata sull’analisi di 9 pazienti di Monaco, sia giovani adulti che persone di mezza età, con lievi sintomi provocati dall’infezione da Coronavirus. I dati emersi hanno dimostrato che c’è “attiva replicazione del virus nel tratto respiratorio superiore“, tale che “i pazienti sono in grado di diffondere il virus ad alti livelli durante le prime settimane della comparsa dei sintomi“. Tutti i pazienti erano ricoverati nello stesso ospedale di Monaco per Covid-19 e l’analisi di tutti i campioni di muco, espettorato, sangue e urina indicano che ci sono “alti livelli di replicazione virale nei tessuti del tratto respiratorio superiore” e “alti livelli di diffusione virale nel tratto superiore durante la prima settimana di sintomi“.

Leggi anche -> Coronavirus, Mattia 18 anni uscito dal coma: “Mamma non ti lascio sola”

I dati della ricerca sul Coronavirus

Inoltre, è stato evidenziato come è possibile isolare il virus dai campioni prelevati da gola e polmoni dei pazienti fino all’ottavo giorno di sintomi, anche quando si stanno riducendo. Due pazienti con i primi segni di polmonite hanno continuato a rilasciare alti livelli del virus fino a 10 e 11 giorni dalla comparsa. Il materiale genetico del nuovo Coronavirus, ossia il suo RNA, “è rimasto rilevabile nell’espettorato dopo la fine dei sintomi“. Nessuna traccia rilevata in urina e feci: è un elemento in più a sostegno della teoria che non sono questi dei veicoli di trasmissione del virus, sebbene secondo gli autori della ricerca siano necessarie ulteriori ricerche.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!