Infetto di coronavirus mente sui sintomi per visitare la moglie incinta in ospedale

Uomo infetto di coronavirus mente sui sintomi per visitare la moglie, incinta in ospedale. Adesso anche madre e bambino potrebbero essere infetti.

incinta

Un uomo americano probabilmente malato di coronavirus ha nascosto di sentirsi male per poter visitare la moglie nel reparto maternità di un ospedale di New York. L’uomo ha detto la verità solo dopo che anche la moglie ha iniziato a mostrare i sintomi del virus. L’uomo, che non è stato identificato, si è recato al Strong Memorial Hospital di Rochester per poter stare con la moglie al momento del parto. È stato interrogato dal personale dell’ospedale, a cui ha assicurato di essere in buona salute e di non essere mai stato esposto al coronavirus. Il portavoce di reparto ha detto al “Democrat and Chronicle”, che per primo ha riferito l’incidente, che poco dopo il parto la donna ha iniziato a mostrare i sintomi. “È stato allora che l’uomo ha ammesso la sua potenziale esposizione, e che si sentiva sintomatica”, ha detto.

Potrebbe interessarti anche –> Coronavirus Spagna | numeri sempre più drammatici | “Scene da guerra”

Mente sui sintomi del coronavirus per visitare la moglie incinta, cambiano le regole negli ospedali di New York

L’ospedale ha comunicato che d’ora in poi inizierà a misurare la temperatura dei visitatori alle sue unità di maternità. “Prima era puramente un sistema d’onore”, ha spiegato il portavoce, “ora stiamo aggiungendo il controllo della temperatura”. L’ospedale non ha potuto rivelare se la madre, il padre o il neonato sono stati  confermati infetti di coronavirus a causa delle leggi sulla privacy. Barbara Ficarra, portavoce di UR Medicine, ha detto a NBC News che un’infermiera che ha assistito la famiglia è stata sottoposta al test per il virus e i risultati sono risultati negativi. La madre è tornata a casa, ha detto Ficarra. Molti ospedali di New York stanno vietando la maggior parte dei visitatori per aiutare a rallentare la diffusione di COVID-19. UR Medicine ha spiegato in un messaggio sul suo sito web che le uniche eccezioni ammesse saranno i genitori di un bambino in ospedale, e un partner che potrà visitare la paziente ricoverata nel reparto maternità. Una volta arrivati all’unità, l’ospite “sarà sottoposto a uno screening dei sintomi, compresa la temperatura”, si legge nel messaggio.
“A chi presenta i sintomi verrà chiesto di lasciare l’ospedale. Queste misure di screening saranno completate due volte al giorno per tutta la durata del ricovero”. Inoltre, lunedì, UR Medicine ha annunciato che tutti i medici, il personale e i visitatori sono tenuti a indossare mascherine durante la permanenza in aree cliniche pubbliche.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Coronavirus Lombardia