Papa Francesco: preghiera e benedizione contro il Coronavirus – FOTO

0
4

Preghiera di Papa Francesco e benedizione Urbi et Orbi contro il Coronavirus, poi l’indulgenza plenaria: il mondo si ferma per il Pontefice.

(screenshot video)

Momenti intensi che già sono passati alla storia quelli che stiamo vivendo in diretta con la preghiera del Papa in Piazza San Pietro. In una piazza deserta e sotto la pioggia, il Pontefice ha raggiunto l’Altare.

Leggi anche –> Indulgenza di tutti i peccati | Papa Francesco soccorre il mondo affetto dal Coronavirus

Da qui sta parlando ai fedeli di tutto il mondo: dopo l’ascolto della Parola di Dio, Papa Francesco terrà una meditazione. Seguiranno la supplica e la Benedizione Urbi et Orbi.

Leggi anche –> Indulgenza plenaria: cos’è, come si ottiene, differenze con assoluzione

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le parole del Pontefice: preghiera e benedizione contro il Coronavirus

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Al termine del momento di preghiera, l’Arciprete della Basilica di San Pietro Cardinal Angelo Comastri pronuncerà la formula per la proclamazione dell’indulgenza plenaria. “Nessuno si salva da solo”, ha detto il Pontefice parlando in Piazza San Pietro. Ha anche sottolineato: “Quante persone pregano, offrono e intercedono per il bene di tutti. La preghiera e il servizio silenzioso: sono le nostre armi vincenti”. Il Signore – spiega Papa Francesco – “ci interpella dalla sua croce a ritrovare la vita che ci attende, a guardare verso coloro che ci reclamano, a rafforzare, riconoscere e incentivare la grazia che ci abita”.

Nel quotidiano, fa intendere Papa Francesco, c’è la possibilità di sconfiggere il virus. Queste le sue parole: “Padri, madri, nonni e nonne, insegnanti mostrano ai nostri bambini, con gesti piccoli e quotidiani, come affrontare e attraversare una crisi riadattando abitudini, alzando gli sguardi e stimolando la preghiera”. C’è nelle sue parole anche una riflessione dura su quanto sta accadendo: “Da settimane sembra che sia scesa la sera. Fitte tenebre si sono addensate sulle nostre piazze, strade e città; si sono impadronite delle nostre vite riempiendo tutto di un silenzio assordante e di un vuoto desolante”.