Home Dove, come e quando Coronavirus, le interviste agli italiani all’estero – VIDEO

Coronavirus, le interviste agli italiani all’estero – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:36
CONDIVIDI

Le interviste agli italiani che vivono all’estero: come vivono quest’emergenza e come guardano all’Italia

denis italiani all'estero
Interviste agli italiani all’estero durante l’emergenza covid-19

Tutto il mondo ha espresso in queste ultime settimane vicinanza e cordoglio all’Italia così duramente colpita dall’epidemia di Coronavirus. Lo hanno fatto moltissimi Paesi illuminando con i colori della nostra bandiera i loro monumenti o luoghi simbolo e lo hanno fatto anche semplici cittadini con canti dai balconi o con video di incitamento. Ma chi guarda all’Italia in questo momento sono soprattutto i nostri connazionali che risiedono all’estero. Preoccupazione per quello che succede nel nostro Paese, ma anche solidarietà e un forte sentimento di appartenenza fra gli italiani all’estero.

Intervista agli italiani all’estero in emergenza pandemia: preoccupazioni e solidarietà

 

Gli italiani che sono andati a vivere all’estero e che da lontano guardano oggi con preoccupazione al nostro Paese, spaventati da quelle immagini di piazze deserte e di ospedali drammaticamente pieni. E soprattutto cresce negli italiani all’estero la preoccupazione quando il Paese che gli ospita gestisce diversamente dall’Italia l’emergenza coronavirus. E in molti decidono a quel punto di agire come fossero in Italia e si mettono in quarantena. Così ha fatto Denis, che vive in Scozia, vicino Glasgow. Solo da pochi giorni il premier Boris Johnson ha messo in lockdown il Regno Unito, ma gli italiani vedendo quanto accadeva in Italia hanno scelto la quarantena preventiva.

In alcuni casi, come in Repubblica Ceca, quanto è avvenuto in Italia ha spaventato così tanto da rendere obbligatoria la mascherina, fatta in casa, per tutti. Oppure in Polonia, che preoccupata dagli eventi nel nostro Paese, ha subito optato per il lockdown. Ma alla preoccupazione si unisce la solidarietà come quella che Andrea che vive in Grecia ad Atene ha sentito fra gli abitanti, addolorati per la situazione che sta vivendo la loro sorella e vicina di casa, l’Italia. Italia che anche nelle peggiori sventure sa tirare sempre fuori inventiva e passione e così i flash mob dai balconi hanno conquistato gli stranieri. Pierpaolo che vive a Bruxelles racconta come i belgi siano rimasti così colpiti dai canti dai balconi da averli voluti subito copiare.

Ringraziamo Denis Carito dalla Scozia, Angelo Papi dalla Thailandia, Alessio Salvo dalla Polonia, Andrea Cau dalla Grecia, Davide Marucci dalla Repubblica Ceca e Pierpaolo Buzza dal Belgio per la gentilissima disponibilità.

Il servizio è stato realizzato da Viagginews.com in collaborazione con Newnotizie.com.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteConte in Parlamento: “Combattiamo contro un nemico invisibile”
Articolo successivoCoronavirus, la “guida” del ministero della Salute per mantenersi in forma
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.