Home News Maurizio Sanguinetti, chi è il microbiologo in prima linea nella lotta al...

Maurizio Sanguinetti, chi è il microbiologo in prima linea nella lotta al Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:39
CONDIVIDI

Maurizio Sanguinetti, microbiologo e virologo del Policlinico Gemelli, è un medico in prima linea nella lotta al Coronavirus. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Il professor Maurizio Sanguinetti è un medico particolarmente attivo nel campo della microbiologia applicata alla clinica, allo scopo di migliorare e accelerare la diagnosi di laboratorio delle malattie infettive, in particolare quelle sostenute da patogeni emergenti, contribuire al controllo delle infezioni ospedaliere e non solo. Non a caso è uno degli esperti più ascoltati in questi giorni di piena emergenza Coronavirus, spesso intervistato dai principali organi di informazione. Conosciamolo più da vicino.

Leggi anche –> Paolo Ascierto, chi è l’oncologo in prima linea contro il Coronavirus

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Maurizio Sanguinetti

Maurizio Sanguinetti ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia nel 1991 con 110/110 e lode presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Roma e la specializzazione in Microbiologia e Virologia nel 1996 a pieni voti presso lo stesso ateneo. Dal 2011 è a capo della divisione di Microbiologia clinica dell’Ospedale Agostino Gemelli di Roma e Direttore dell’Istituto di Microbiologia, Università Cattolica del Sacro Cuore sempre a Roma. Dal 2011 è Professore Ordinario di Microbiologia presso lo stesso ateneo.

Tra i vari fronti che devono impegnato Maurizio Sanguinetti c’è quello della ricerca di un nuovo metodo di somministrazione di farmaci con l’uso di nanoparticelle (dimensioni di un miliardesimo di metro) che trasportano peptidi antimicrobici: si tratta di nanoparticelle biocompatibili e inalabili, funzionalizzate con peptidi antimicrobici per contrastare la formazione di biofilm e l’antibiotico resistenza, con particolare riferimento alle infezioni polmonari in fibrosi cistica. Per il resto, la produzione scientifica dell’esperto conta oltre 500 articoli su riviste internazionali, con più 11.000 citazioni. Un curriculum di tutto rispetto, dunque, che lo vede anche figurare tra i Top Italian Scientists (Via-Academy).

EDS