Home News Giovane in terapia intensiva per Coronavirus, papà disperato: “Colpa nostra”

Giovane in terapia intensiva per Coronavirus, papà disperato: “Colpa nostra”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:35
CONDIVIDI

Il coronavirus non provoca danni soltanto agli anziani, ma a Cremona un ragazzo di 23 anni è stato ricoverato in terapia intensiva a Cremona

L’emergenza Coronavirus ha messo in ginocchio ormai tutta Italia e l’Europa. Ma non colpisce soltanto le persone anziane, che hanno problemi pregressi, ma anche ragazzi giovani, com’è avvenuto a Cremona con un ragazzo di 23 anni ricoverato in terapia intensiva. E così il papà ha spiegato ciò che è successo al figlio, come spiegato anche dall’infermiera Francesca Mangiatordi al TG1, che ha rivelato di aver dovuto intubare un ragazzo di 23 anni. Una testimonianza davvero emozionante e allo stesso tempo tragica per far capire a tutti che il virus può attaccare chiunque e non soltanto le persone di una certa età.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Conte: “Stanziati 25 miliardi per fronteggiare l’emergenza”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, il racconto  del papà

Come riportato da Leggo il papà ha svelato la dinamica: “Stefano è stato ricoverato tardi, ma io e mia moglie ci sentiamo responsabili. Vorrei spiegare che lui non è uno che partecipa alla movida o frequenta i locali disinteressandosi delle indicazioni delle autorità, ma che probabilmente ha contratto il virus quando mi ha accompagnato al pronto soccorso di Cremona il giorno venerdì 21 febbraio scorso”. Ed è stato forse il padre a contagiarlo dopo che si era ammalato avendo la febbre. Il ragazzo di 23 anni è molto grave con la febbre alta e tosse con la speranza che tutta possa concludersi nel migliore dei modi.