Palau vieta le creme solari? Facciamo chiarezza

Palau vieta le creme solari? Che cosa bisogna sapere sul provvedimento che sta facendo discutere tutti.

Palau, Isola di Malakal e Koror (iStock)

Si fa un gran parlare di Palau, Stato insulare della Micronesia che per primo al mondo avrebbe vietato l’utilizzo di creme solari sulle sue spiagge paradisiache. Non si tratta di una novità, la notizia risale alla fine del 2018 e ve l’avevamo già segnalata. Se ne parla oggi perché il provvedimento è entra in vigore nel 2020 e il motivo è la protezione della delicata barriera corallina dell’arcipelago. Alcune sostanze chimiche normalmente contenute nelle creme solari, infatti, sono responsabili dello sbiancamento dei coralli. Da qui il divieto. Cerchiamo di capire meglio come funziona.

Palau vieta le creme solari

Le creme solari protettive più diffuse in commercio contengono alcune sostanze chimiche tossiche per i coralli: tendono a sbiancarli e possono impedire la crescita dei coralli più giovani. Per questo motivo, per proteggere il suo ambiente, lo Stato del Pacifico nord-occidentale di Palau ha deciso di vietare l’uso di alcune creme solari sul suo territorio. Il provvedimento era stato annunciato nel novembre del 2018 ed è entrato in vigore il 1° gennaio 2020.

Come avevamo già anticipato in un articolo dedicato al rivoluzionario provvedimento, non tutte le creme solari sono vietate, ma solo quelle che contengono 10 sostanze chimiche dannose per i coralli.

Le seguenti:

  • Oxybenzone (benzophenone-3)
  • Ethyl paraben
  • Octinoxate (octyl methoxycinnamate)
  • Butyl paraben
  • Octocrylene
  • 4-methyl-benzylidene camphor
  • Benzyl paraben
  • Triclosan
  • Methyl paraben
  • Phenoxyethanol

Come indicato sul sito web di International Coral Reef Intiative, per la protezione delle barriere coralline. Il divieto riguarda sia l’uso che il commercio di queste creme solari protettive.

 Il divieto è contenuto nella legge Responsible Tourism Education Act del 2018 e fa parte della politica di turismo responsabile adottata dallo Stato insulare che impegna tutti i visitatori di Palau a rispettare il suo ambiente. “Dobbiamo rispettare l’ambiente perché è il nido della vita”, ha detto Tommy Remengesau, presidente di Palau, come riportato dalla BBC.

All’agenzia di stampa AFP Remengesau ha dichiarato: “Quando la scienza ci dice che una pratica è dannosa per le barriere coralline, per le popolazioni di pesci o per l’oceano stesso, la nostra gente prende atto e lo fanno anche i nostri visitatori. “I prodotti chimici tossici per la protezione solare sono stati trovati negli habitat critici di Palau e nei tessuti delle nostre creature più famose£, ha aggiunto. “Non ci importa essere la prima nazione a vietare queste sostanze chimiche e faremo la nostra parte per spargere la voce”.

E per proteggere la pelle dal sole? Per fortuna creme e lozioni solari che contengono le sostanze incriminate sono in calo. Secondo gli esperti sono circa le metà di quelle in commercio. I turisti possono dunque tirare un sospiro di sollievo: non tutte le creme solari sono vietate. Tra quelle non dannose, ad esempio, ci sono le creme che contengono ossido di zinco e biossido di titanio. Come segnalato dall’articolo del Guardian che nel 2018 diede la notizia del divieto.

Nel 2021 un analogo divieto entrerà in vigore anche alle Isole Hawaii.

Creme solari vietate a Palau: la gaffe

Nel frattempo, mentre la notizia del primo divieto al mondo di utilizzo di creme solari veniva pubblicato da tutti i media internazionali e italiani, la pagina Facebook del quotidiano La Repubblica confondeva Palau nell’Oceano Pacifico con Palau in Sardegna. Una gaffe diventata subito virale e che ha suscitato l’ilarità di molti.

Palau, infatti, è anche il nome della località che sorge sulla costa settentrionale della Sardegna, davanti all’arcipelago de La Maddalena, che si raggiunge proprio con i traghetti che partono dal suo porto. Qui non c’è la barriera corallina, sebbene i coralli si trovino anche al largo delle coste sarde, ad esempio davanti ad Alghero, dai quali viene il nome di Riviera del Corallo.

L’arcipelago di Palau

Lo Stato di Palau si trova nella Micronesia, nell’Oceano Pacifico occidentale, a 500 chilometri a est dalle Filippine e ad oltre 1.800 chilometri a nord dell’isola di Papua. È formato da circa 340 isole, di differente dimensioni, per una superficie complessiva di circa 459 km2. L’isola più grande è Babeldaob, che ospita la capitale Ngerulmud, ma la più abitata è la vicina e decisamente più piccola Koror. Palau condivide i confini marittimi con le Filippine, l’Indonesia e gli Stati Federati della Micronesia.

Informazioni turistiche su Palau (Stato): www.pristineparadisepalau.com

Mappa di Palau, nell’Oceano Paifico