Chi è Don Carmelo La Magra: età, carriera e vita privata del parroco

Conosciamo meglio la storia di Don Carmelo La Magra: ecco tutte le curiosità sulla carriera e vita privata del parroco che lotta ogni giorno

Don Carmelo la Magra

Don Carmelo La Magra ha 38 anni ed è sacerdote della parrocchia San Gerlando di Lampedusa dopo esser stato a quella dei Santi Apostoli Pietro e Paolo a Favara, in provincia di Agrigento nel 2009. Inoltre, è stato ordinato sacerdote nell’agosto del 2007, ma ogni giorno deve fare i conti con il problema della disuguaglianza sociale. Ed è così che si è messo sempre a favore della popolazione siciliana come dopo il 23 gennaio 2010 quando, a causa del crollo di una palazzina fatiscente in un quartiere povere, persero la vita due bambine. Porta i ragazzini a visitare proprio queste zone malfamate impostando tutto sul dialogo dell’amicizia. Si è aggiudicato anche il premio Lupo di Gubbio visto che ha dormito, assieme a isolani e attivisti, sul sagrato della chiesa in occasione dei casi Sea Watch, Open Arms e Mare Jonio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Don Carmelo La Magra: età, carriera e vita privata

Dopo il premio lo stesso Don Carmelo ha svelato: “In questi giorni la situazione a Lampedusa è abbastanza critica a causa dei numerosi arrivi e della lentezza nei trasferimenti dei migranti. L’hotspot che potrebbe accogliere 95 persone, al momento conta la presenza di circa 250 migranti. Si rischia, quindi, di mettere troppo sotto pressione la comunità locale che prova a rimanere accogliente ma dev’essere sempre nelle condizioni di poterlo fare”. Possiede un account Facebook e Instagram dove pubblica numerosi scatti delle sue opere.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

AGGARBATA E NICAREDDA di d. Carmelo La Magra Aggarbata e nicaredda n’abbriccidda avarata ‘ntra l’artaru tutta bedda virginedda ‘mmaculata. C’u so mantu ppi guardari, l’abitinu pp’u paradisu, cu la cruna ppi rignari muastri a tutti u bieddu visu. Li to figli su assai luntani spissu si scordanu di tia, ma sintiennu i to campani lestu trovanu la via. tutti i casi su gravati di disgrazia e malatia cercanu aiutu i tribulati chiamannu u nomu di Maria. S’arricampa a rigraziari cu un favuri arricivi, prima ancora d’addumannari tu sapivi e pruvvidivi. Ti chiamammu gran Signura, suoru, matri e prutittrici Tu nni guardi ad ogni ura Senz’i tia siemmu ‘nfilici. Quannu o Carminu si trasi tuttu u cori è sgravatu e turnannu intra li casi lu to nomu è ringraziatu. Ti ludammu matri bedda nni vantammu assai di tia ‘ntra ogni chiesa o figuredda Oggi e sempri: viva Maria! E quannu u suli di sta vita adasciu adasciu voli cuddari Tiniemmu a cruna ‘n miezzu i ita e tu lesta n’ha viniri a truvari E n’abbrazzi e nni cunfuorti manu manuzza nni cunnuci a ‘ncuntrari a bedda sorti lu to Figliu bieddu e duci. ‘m paradisu etarnamenti mancu sacciu chi veni a diri senza dolu e patimenti senza scantu di arrìa muriri Ma cu Gesu e cu Maria Sempre festa amm’a fari di li santi a cumpagnia nni farà sempri arricriari Ma ogni tantu di ‘mienzu all’atri, u Signuri sicuru ‘un si nichìa, t’aiu a taliari, o Bedda Matri, e chistu è lu paradisu mia. #immacolata #baddamatri #maria #wmaria #8dicembre #DeMarianumquamsatis #concetta #totustuusmariae

Un post condiviso da Carmelo La Magra (@carmelolamagra) in data:

Don Carmelo la Magra