Home News Vladimir Luxuria, chi è il papà Antonio Guadagno: età, storia e vita

Vladimir Luxuria, chi è il papà Antonio Guadagno: età, storia e vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:07
CONDIVIDI

Antonio Guadagno è il padre dell’ex parlamentare e attivista LGBT Vladimir Luxuria. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Antonio Guadagno, con alle spalle un’onorata carriera da camionista e sedicente uomo di destra, è il padre di Vladimir Luxuria, la transgender diventata parlamentare. Conosciamolo più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Antonio Guadagno

Antonio Guadagno ha 75 anni (o giù di lì) ed è un tipico uomo del sud, ancorato nei valori forti e tradizionali, a partire dalla famiglia. Proprio per questo motivo, non appena apprese che la sua fidanzata Maria Michela era incinta, non esitò neppure un istante a prenderla come moglie.

La famiglia Guadagno visse inizialmente di stenti e sacrifici: il padre svolgeva lunghi e pesantissimi turni come camionista, per permettere alla sua famiglia di poter sopravvivere nelle difficoltà del secondo dopoguerra. E per far studiare Vladimir, nella convinzione che la cultura sia fondamentale per emanciparsi e godere di condizioni di vita migliori.

Un bel giorno, però, in casa Guadagno è scoppiato un terremoto che ha creato una profonda frattura nel rapporto tra Vladimir, ancora Wladimiro, e suo padre. Quando quest’ultimo apprese la decisione del figliolo di diventare una donna gli crollò il mondo addosso. Da un uomo dai principi antichi qual era, non riusciva neppure a concepire il fatto che suo figlio fosse una persona “diversa” rispetto alle altre.

Per molti anni padre e figlio ebbero un rapporto superficiale, fatto soprattutto di silenzi, finché Antonio non ha capito che quello è il volere di Vladimir, accettando la sua scelta e condividendola, con l’unico rammarico di non poter divenire nonno (almeno finché non cambierà la legge).

Oggi il signor Antonio riconosce senza difficoltà gli errori che ha commesso in passato nei confronti del figlio, aggiungendo però, a sua parziale discolpa, che la sua reazione fu motivata dal fatto che Wladimiro era il primo figlio maschio della famiglia e che allora immaginava e sperava per lui un futuro diverso. C’è voluto molto tempo per diventare orgoglioso e felice di quel figlio che ha saputo realizzarsi e farsi da sé, intessendo anche rapporti con personalità politiche importanti, come Silvio Berlusconi, di cui è un grande ammiratore.

EDS