Home News Marito “geloso” ordina alla moglie di ingoiare l’anello nuziale, poi l’uccide

Marito “geloso” ordina alla moglie di ingoiare l’anello nuziale, poi l’uccide

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:08
CONDIVIDI

Shaun Dyson, 28 anni, è sotto processo con l’accusa di aver ucciso sua moglie Lucy-Anne Rushton, 30 anni, dopo averla sottoposta a violenze indicibili. 

Shaun Dyson, 28 anni, è finito sotto processo con l’accusa di aver ucciso sua moglie Lucy-Anne Rushton, 30 anni, dopo averla letteralmente massacrata nella loro casa di Andover, nell’Hampshire (Inghilterra). Un uomo “geloso e violento” che ha ordinato alla poveretta di ingoiare la sua fede nuziale prima di picchiarla a morte in un attacco “brutale”, ha sentenziato il tribunale. Eppure lui continua a proclamarsi innocente, mentre il processo va avanti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il martirio della moglie di un uomo “geloso e violento”

Shaun Dyson avrebbe ucciso sua moglie nelle prime ore del 23 giugno scorso, saltando sul suo corpo e calpestandolo ripetutamente. I due si erano sposati nel 2010, ma col tempo la signora Rushton è diventata vittima di una “storia di violenza domestica” e di un rapporto “tossico”, secondo quanto sostiene l’accusa: “Lucy è stata uccisa dall’imputato; è stata vittima di un pestaggio prolungato e molto grave” per il quale “non c’era alcuna giustificazione” e che “è nato dalla rabbia gelosa di un uomo violento.”

A mandare Dyson su tutte le furie sarebbe stata una telefonata che la moglie aveva ricevuto da un uomo con cui aveva avuto una relazione. La classica goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso. “Ingoia l’anello perché non stiamo più insieme”, le avrebbe detto lui, imbestialito e fuori di sé. Ma già qualche mese prima di essere uccisa, secondo quanto emerso nelle ultime ore, la signora Rushton aveva confessato ai suoi familiari che aveva paura che suo marito potesse farle del male e che “aveva una borsa pronta con un cambio di vestiti e armi”. Purtroppo per lei, non ha fatto in tempo a scappare e mettersi in salvo.

EDS