Fiona May, chi è: età, vita, carriera della grande atleta (e non solo)

Lunghista, triplista, attrice britannica naturalizzata italiana, Fiona May è un personaggio che ha saputo entrare nel cuore di molti. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei. 

Alzi la mano chi non ha mai sentito pronunciare il nome di Fiona May. L’ex lunghista, triplista e attrice britannica naturalizzata italiana è un volto molto noto dentro e fuori il mondo dello sport. Conosciamola più da vicino questa figura di grande carisma, umanità e simpatia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Fiona May

Fiona May è nata a Slough, nel Regno Unito, 12 dicembre 1969, da genitori giamaicani, ma è diventata cittadina italiana per naturalizzazione dopo il matrimonio con Gianni Iapichino, astista e multiplista toscano, nel 1994. Nello stesso anno è avvenuto il suo esordio nella nazionale azzurra agli Europei di Helsinki, dove ha conquistato la medaglia di bronzo in quella che sarebbe diventata la sua specialità, il salto in lungo. E laureata in materie economiche all’Università di Leeds e vive da alcuni anni con la famiglia vicino a Firenze nella località di Calenzano.

Nel corso della sua carriera sportiva Fiona May si è laureata due volte campionessa mondiale di salto in lungo, specialità in cui è anche salita due volte sul secondo gradino del podio olimpico. È tuttora la detentrice del record italiano di salto in lungo, sia outdoor che indoor. E, avendo conquistato quattro medaglie ai campionati del mondo (due ori, un argento e un bronzo), è a tutt’oggi l’atleta italiana che più volte è salita sul podio ai campionati del mondo di atletica leggera.

Insomma, la sua è stata una carriera ricca di successi: ricordiamo anche la medaglia europea d’argento a Budapest nel 1998, le 2 medaglie d’oro mondiali a Göteborg nel 1995 ed Edmonton nel 2001, l’argento a Siviglia 1999, un bronzo ad Atene 1997 e due argenti olimpici ad Atlanta 1996 e Sydney 2000. Quando al record italiano del salto in lungo, Fina May l’ha migliorato sette volte, fino ad arrivare all’ultimo proprio in occasione di una medaglia (Budapest ’98), con 7,11 m; e ha stabilito due volte anche il record nel salto triplo fino a portarlo a 14,65 m, successivamente superato da Magdelín Martínez. Non solo: Fiona è stata anche campionessa del mondo indoor nel 1997 e campionessa europea, sempre indoor, nel 1998 (in quest’ultima occasione ha stabilito il primato italiano di salto in lungo al coperto con la misura di 6,91 metri).

È stata allenata dal marito, da cui ha avuto due bambine, Larissa, che ha seguito le orme della mamma, nel 2002 e Anastasia nel 2009 (i due si sono separati nell’estate del 2011). Abbandonata la carriera sportiva, Fiona May è entrata nel mondo dello spettacolo, partecipando tra il 2006 e il 2007 alla terza edizione di Ballando con le stelle, condotta da Milly Carlucci su Rai 1, in coppia con Raimondo Todaro, e uscendone vincitrice con l’81% dei voti. Ed è stata protagonista della fiction Butta la luna, tratta da un bestseller di Maria Venturi, oltre ad aver preso parte, insieme alla figlia Larissa, a una serie di spot per il marchio Kinder della Ferrero. Dal 13 aprile 2015 ha preso parte come concorrente alla seconda edizione del programma Si può fare!, con la conduzione di Carlo Conti, su Rai 1. E dallo scorso anno è testimonial delle campagne di Missioni Don Bosco.

EDS