Home Destinazioni e Guide turistiche Vilnius, la meta low cost per l’inverno

Vilnius, la meta low cost per l’inverno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:09
CONDIVIDI

Vilnius meta low cost per l’inverno: cosa fare e cosa vedere a Natale

Getty Images

Se cercate una meta economica, low cost, bella, che vi faccia vivere la magia del Natale, l’avete trovata è Vilnius. La capitale della Lituania è una delle città emergenti, e una delle più amate negli ultimi anni. Se quindi non avete ancora visitato Vilnius, l’inverno e il Natale sono un periodo perfetto.

L’inverno è ovviamente molto rigido a Vinius, ma se non temete troppo il freddo avrete la possibilità di vedere una città innevata, dall’atmosfera magica e suggestiva, fra mercatini di Natale, locali alla moda e decorazioni natalizie incantevoli.

Leggi anche -> Le città più belle dove andare in inverno

Cosa vedere a Vilnius a Natale

La visita di Vilnius nel periodo natalizio non può non partire dal grande albero di Natale allestito nella piazza della Cattedrale, albero considerato fra i più belli d’Europa. D’altronde questo grande albero di Natale svetta nella piazza e le sue tante luci colorano e illuminano tutt’intorno. Ci troviamo nella zona antica della città, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, ed è il posto migliore in cui perdersi fra vie e vicoli. La piazza della Cattedrale è il cuore pulsante della città alle cui spalle si trova il colle Gedeminas.

Obbligatorio poi nel periodo di Natale un giro fra le bancarelle dei mercatini di Natale che sono allestiti nella Piazza della Cattedrale e in piazza del Municipio. Un altro mercatino è quello che viene allestito (quest’anno nel fine settimana del 21 e 23 dicembre) nel quartiere Uzupis, definito il quartiere degli artisti. Si chiama Uptown Market dove potete trovare oggetti meno tradizionali, frutto della fantasia di giovani designer.

Se siete in cerca di regali fatevi una passeggiata nella lunga via dei negozi e dello shopping: Gediminio Avenue. Qui ci sono le sedi di tutte le più importanti istituzioni della Lituania, dal Parlamento alla Corte Costituzionale, alle sedi culturali come l’Accademia di musica, ma anche, come dicevamo, tantissimi negozi e ristoranti. La strada è in parte pedonale ed è la via più importante della città. Se siete appassionati di musica andate nella Città Nuova, interamente costruita nel Novecento, e che dista appena 2 km dalla Città Vecchia dove troverete una statua dedicata a Frank Zappa.

Con i suoi tanti stili architettonici diversi, i suoi edifici barocchi, i suoi tanti campanili, Vilnius vi colpirà per le tante mescolanze e per essere testimonianza della Storia. La città Vecchia, con il suo imperdibile quartiere ebraico – era chiamata la Gerusalemme d’Europa – conserva un impianto medioevale con vicoli e piazze che si aprono all’improvviso. Tante le chiese fra cui la più importante è la Cattedrale dei SS. Stanislao e Ladislao che spicca con il suo bianco e il suo imponente campanile.

Vilnius è poi una città universitaria che offre tantissime opportunità culturali e di svago e che si sta sempre più rinnovando: sorgono nuovi musei – come il MO Museum, che ospita collezioni di arte contemporanea in un edificio di design – vengono rivalutati interi quartieri come Naujamiestis, nella parte sud, diventato ora, dopo decenni di cattiva fama, di tendenza.

Leggi anche -> Lituania, tutte le informazioni utili sulla perla del Baltico

CONDIVIDI
Articolo precedenteEmanuele Raviol: chi è il musicista in gara a Prodigi
Articolo successivoAlessandra Mastronardi, chi è: età, fidanzato e carriera dell’attrice
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.